Forum Plus: Film, serie TV, musica, viaggi, articoli scientifici, natura e ambiente, mistero, horror e recensioni prodotti per la casa e per il tempo libero. Le più interessanti recensioni di prodotti e articoli su tutto quello che riguarda Internet.

Acquario per Caridine

Volete avventurarvi nell’allevamento e nella riproduzione delle varietà di Caridina cf. cantonensis (le Tiger, le Crystal red, le Bumblebee…) ma vi spaventa il fatto che siano un po ‘più esigenti rispetto alle altre? Non vi preoccupate, vi basterà perdere qualche minuto su questo breve articolo e poi il tutto risulterà facile come bere un bicchiere d’acqua!! Vediamo cosa fare per allevarle nel nostro acquario per Caridine

Allevamento acquario per Caridine in acque tenere: Varietà Crystal red

Allevamento acquario per Caridine in acque tenere: Varietà Crystal red

Innanzitutto c’è da dire, specie per ciò che riguardo le Crystal Red e le Bumblebee, che quelli di grado inferiore (la selezione più spartana) sono più tolleranti alle condizione dell’acqua.

Acquario per Caridine: L’acqua

Partiamo dall’acqua: la temperatura deve aggirarsi tra i 21 e i 26°C e rimanere il più possibile costante durante tutto l’anno. Il pH deve essere leggermete acido (6.5/6.9); tuttavia i gamberetti più resistenti possono tranquillamente prosperare e riprodursi anche a pH 7 finché la durezza dell’acqua si mantenga bassa (quindi bassi valori di ioni di calcio, magnesio e sodio): GH tra 1 e 3 (anche se tra 4 e 6 è un range che aiuta i gamberetti in fase di muta). Anche la durezza carbonatica (KH) deve rimanere bassa.

L’alimentazione delle Caridine

L’alimentazione è importante. Non bisogna somministrare loro cibi altamente proteici (la percentuale di proteine deve rimanere entro il 35%) ed alimenti con molto ferro e minerali le aiutano a tirar fuori colori sgargianti!! Integrare la loro dieta con della verdura una volta a settimana è una scelta saggia!! Tuttavia vi sono delle particolari attenzioni da porre anche in questo caso: si deve far attenzione affinché le verdure provengano da agricoltura biologica, al contrario potrebbero esserci dei pesticidi/insetticidi che non verrebbero via neanche dopo il lavaggio (sono sostanze cerose fatte in modo che rimangano sulle foglie anche dopo eventuali piogge).

Scegliamo dunque un paio di foglie, le più piccole e giovani (gli spinaci sopratutto), e le bolliamo un paio di minuti, le mettiamo poi in acqua ghiacciata e le sciacquiamo per bene; ora le inseriamo in acquario ed osserviamo i gamberetti fare festa!! Se dopo un’ora ci sono ancora residui di verdura in vasca, li toglieremo (questa accortezza vale in generale per tutti i tipi di cibo che daremo loro). Consiglio pratico: gli spinaci surgelati vanno bene, poiché hanno già subito un processo di bollitura ad alta pressione. Basta sciacquarli un paio di volte e servire al gamberetti (in abbinamento ad un Pinot, che berremo noi mentre li osserviamo mangiare, ovvio!!).

Variare i tipi e le qualità di cibo, non può far altro che bene!

Sarebbe opportuno avere in vasca delle piante acquatiche e del muschio. Questi infatti controllano i livelli di nitrati e ammoniaca, Attenzione sopratutto ad Anubias e Cryptocoryne: evitiamo di recidere il rizoma (specie delle Anubias) nella vasca o di metterle nell’acquario per Caridine subito dopo!! Non tutti sanno infatti che possono rilasciare delle sostanze tossiche che potrebbero far morire i gamberetti in poco tempo!! Tuttavia se l’acquario per Caridine è grande ed ha un buon sistema di filtraggio e di movimento, potrebbero non esserci problemi, in caso contrario eseguiamo un cambio di acqua dell’80%!! Da evitare anche fertilizzanti ad alto contenuto di rame, poiché anch’esso è tossico per la maggior parte delle Caridina. L’ammoniaca deve essere a zero e i nitrati presenti al minimo; questi gamberetti adorano nuotare in acqua pulita ed è raccomandato un cambio settimanale del 30-50%.

L’uso del muschio è, oltre che una soluzione estetica, importante in quanto i gamberetti possono ivi trovare riparo e microrganismi di cui cibarsi. Se abbiamo legni, pietre o rocce, leghiamolo con un filo sottile e aspettiamo che cresca formando delle forme meravigliose!! Con questi piccoli spunti (o come direbbero gli anglofoni, “tips”) spero che vi possiate convincere che l’allevamento di questi piccoli invertebrati non sia così difficile come pensavate!!
Buona fortuna!!

Sull’argomento acquario per Caridine

Altri articoli che riguardano l’acquario per Caridine che ti potrebbero interessare:

Acquario per Caridine
6 (60%) 2 votes

Amministratore del sito Forum Plus, appassionato di Internet, informazione e cultura.

Condividi
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
    1
    Share