Forum Plus: Scienza, cultura, arte e curiosità, tutto in un unico sito.

Come allestire un acquario

In questa guida, vedremo i primi passi su come allestire un acquario. Ci si è sicuramente trovati in una situazione in cui, vasca alla mano, abbiamo pensato: “e mo che faccio??” oppure, avendo letto o sentito qua e là? delle informazioni per grandi linee e presi dall’euforia del primo acquario, si è fatto tutto in fretta per poi trovarsi davanti a errori che si sarebbero potuti tranquillamente evitare?

Fondo acquario per pesci rossi

Come allestire un acquario

Guida su come allestire un acquario

Bene, questo è la guida che fa per voi. No, non nel senso che magicamente viene a casa vostra e vi allestisce l’acquario mentre voi sorseggiate una bella birra, MA che se lo leggete attentamente vi farò? risparmiare tempo, denaro e anche qualche incazzatura!! (si può dire incazzatura su internet? Innanzitutto do per scontato il fatto che abbiate un acquario completo di illuminazione (indicativamente servirebbero 0,5 watt per litro di acquario) e filtro. Quest’ultimo è molto importante perché aiuterà? a mantenere l’acqua dell’acquario il più possibile pulita sia da un punto di vista visivo (particelle in sospensione, acqua azzurra acqua chiara…) che da un punto di vista chimico (neutralizza le sostanze nocive per i pesciolini e rende la loro permanenza in vasca una bella vacanza senza problemi).

Mi dilungo sul filtro? non mi dilungo… Mi dilungo!

Se abbiamo una scatola filtro a tre scomparti, sistemeremo nel primo la pompa, che deve essere regolata in modo tale che il flusso dell’acqua non sia nè troppo veloce (si rischia che l’acqua non venga filtrata dai batteri buoni) ne troppo lento; nell’ultimo metteremo il termoriscaldatore (che deve avere una potenza di circa un watt per litro, se leggermente sovradimensionato, è meglio, starà? acceso di meno); nel mezzo sistemiamo, partendo dal fondo, i cannolicchi, la spugna a grana larga e la lana di vetro. Piccolo suggerimento per non trovarvi in difficoltà? in futuro: poiché nei cannolicchi si insedieranno i batteri che decompongono le sostanze nocive (specie nel ciclo dell’azoto), essi non dovranno mai essere lavati quando si fa il cambio dell’acqua, ma al massimo sciacquati nell’acqua dell’acquario stesso, pertanto per facilitare l’operazione, chiudiamoli in una calza da donna (un collant) che ci permetterà? di toglierli tutti con più comodità?!!

Se le ventose del filtro non vi sembrano affidabili, potete incollarle con del silicone specifico per acquari (ma questo va fatto qualche giorno prima) e non come un tizio (conosciuto in un negozio) che ha usato l’attack facendo morire tutti i pesci!! Giacchè ci troviamo, diamo una bella pulita ai vetri all’interno: MAI usare DETERGENTI!! Bastano un panno e acqua calda. Se invece l’acquario è vecchio e ci sono residui di calcare si può: agire meccanicamente con una lametta di taglierino NUOVA (è lubrificata e diminuisce il rischio di graffiare il vetro… diminuisce è però diverso da annulla, stiamo attenti).

Agire chimicamente con una spugnetta e dell’aceto per poi sciacquare il tutto con acqua calda. Se il calcare è talmente tanto ed è così vecchio e radicato che si vedono anche i fossili dei vostri precedenti inquilini, comprate un prodotto per acquari che diminuisce sia il pH che il KH, e usatelo al posto dell’aceto!! è una mano santa!!

Sistemato il filtro, è il momento di passare al materiale di fondo

Qui si può stendere un substrato fertile prima del ghiaino, o direttamente la sabbia (dipende dall’uso che volete fare delle piante). Parlo per mia esperienza e vi dico che il fondo fertile non l’ho mai messo, eppure le mie piante crescono sane e rigogliose anche senza fertilizzare con CO2!! La sabbia va scelta della grandezza più adatta ai nostri ospiti: se abbiamo pesci che scavano o strisciano è meglio optare per della sabbia a grana fine per evitare che si feriscano!! Indipendentemente da dove si acquista (negozio specializzato o negozio di edilizia) essa va sciacquata per bene.




Inoltre inserire la sabbia umida ci faciliterà? il compito della piantumazione. A proposito di piante: una volta acquistate, prima di inserirle, togliete vasetto ed eventuali residui di spugna e anelli di piombo (per colpa del piombo di una Vallisneria ho perso il mio scalare) sciacquatele per bene (onde evitare lumache) e spuntiamo le radici a un cm dall’estremità?

Discorso decorazioni acquario

Ognuno è libero di personalizzare la propria vasca come crede, a patto di rispettare semplici regole: Ciò che è possibile bollire, va bollito! Altrimenti si deve lavare per bene in acqua calda SENZA DETERGENTI; evitare di mettere rocce calcaree (a meno che il biotopo lo preveda, vedi Malawi e Tanganika); per sapere se una roccia è calcarea basta versare una goccia di succo di limone: se frizza non va bene!! evitare di inserire ciò che viene dal mare (sempre per il fatto del calcare oltre che può portare residui di catrame o carburanti); ricordarsi che legni, radici e noci di cocco tendono a colorare l’acqua di marrone e per mitigare l’effetto è bene tenerli a bagno per qualche giorno.

Armiamoci dunque di un tubo di gomma, una vaschetta o secchio NUOVO e mai venuto in contatto con detersivi, pezzuola, giornali e un piatto!! Ma prima, PUBBLICITA’… (No? non siamo in tv? vabbè…) PRONTI? una volta fatte queste operazioni preliminari, assembliamo il tutto.

Posizionare l’acquario

Per prima cosa decidiamo dove mettere l’acquario, facciamolo con molta oculatezza: non deve ricevere la luce diretta del sole (cresceranno subito le alghe sul vetro), non va messo in posti di frequente passaggio (tipo vicino le porte) e il mobile che lo sostiene deve essere bello robusto (una volta pieno peserà? 1,5 volte la sua capacità?: acquario di 60L = 90Kg!!). Ora mettiamo dei fogli di giornale per terra (lo so che siete abbastanza alti e ci arrivate, è vecchia la barzelletta…) che ci aiuteranno a mantenere asciutto il pavimento durante le operazioni di riempimento e faranno sì che vostra madre/moglie/coinquilina isterica non vengano colte da ira funesta vedendo il lago sul pavimento di casa!! Sistemiamo il materiale di fondo lavato e mettiamo le piante (c’è chi dice di mettere prima metà? acqua, ma ci si trova meglio senza): facciamo un buco con le dita, infiliamo la pianta e ricopriamo; mettiamo le piante più alte dietro, le più basse in avanti.

Allestire l’acquario

Ora sistemiamo il piatto capovolto sul fondo, riempiamo il secchio di acqua e con il tubo la trasferiamo da un contenitore all’altro!! Magia? no, fisica!! Non funziona? il secchio con l’acqua deve stare più in alto dell’acquario!! e direzionando il getto sul piatto, eviteremo di fare buchi nella sabbia e di alzare un polverone!! Si può fare anche utilizzando un innaffiatoio, ma è meno divertente!! Quando siamo arrivati quasi alla fine, togliamo il piatto, sistemiamo le eventuali decorazioni, finiamo di riempire il tutto. A questo punto mettiamo dentro i prodotti per l’avvio dell’acquario (biocondizionatore, i batteri, il concime, il gelato… NO!! il gelato no!!), imposteremo la temperatura del termoriscaldatore, chiuderemo il coperchio, daremo una pulita al vetro esterno, collegheremo tutte le prese alla corrente e festeggeremo l’avvio del nostro acquario con una bella birra!!

Non ci resta che aspettare dai 15 ai 30 giorni prima di mettere i nostri pesciolini!! Non vi preoccupate se l’acqua sarà? torbida, in un paio di giorni la sporcizia si depositerà? comunque filtrata dal filtro; inoltre se sul vetro esterno posteriore mettete un cartoncino nero, l’effetto visivo sarà? migliore!!

Sull’argomento acquario

42,90€
52,41
disponibile
3 nuovo da 39,90€
Amazon.it
78,88€
88,39
disponibile
3 nuovo da 75,72€
Amazon.it
Spedizione gratuita
31,90€
disponibile
3 nuovo da 16,23€
Amazon.it
Ultimo aggiornamento il 22 Novembre 2018 5:15 pm
Come allestire un acquario
10 (100%) 1 vote



Forum Plus

Amministratore del sito Forum Plus, appassionato di Internet, informazione e cultura.

Condividi
  • 1
  •  
  •  

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Nota: Devi accettare la Privacy Policy per inviare un commento. Qualsiasi tipo di commento non inerente all'argomento verrà immediatamente cancellato.

16 − sei =