Forum Plus: Scienza, cultura, arte e curiosità, tutto in un unico sito.

Metodo DSB per allestire un acquario marino

Il DSB “Deep Sand Bed”, tradotto in italiano “letto di sabbia profondo”, è un metodo di gestione dell’acquario marino che nacque principalmente per abbattere i costi elevati delle rocce vive e permettere di allevare organismi legati al fondo sabbioso, concentrando il ciclo dell’azoto nel substrato delle nostre vasche. I motivi che lo rendono una scelta ideale per le nostre vasche sono molti, per cui li andremo ad analizzare con la dovuta calma.

Metodo DSB acquario marino

Metodo DSB acquario marino

Si tratta di un sistema che estremizza il fondamento principale dell’Acquariofilia, decisamente sconsigliato ai neofiti per i rischi dovuti alla poca conoscenza che possono portare ad enormi delusioni. Ma andiamo per gradi e cerchiamo di capire assieme come funziona “questo sconosciuto”.

DSB: Come funziona

Precedentemente mi sono riferito al completamento del ciclo dell’azoto all’interno del DSB che permette di risolvere uno dei più grossi problemi della gestione di un acquario marino, la rimozione dei Nitrati (NO3-) riducendo drasticamente i cambi d’acqua; questo avviene grazie alla struttura del DSB che permette la formazione di zone a differente concentrazione di ossigeno che permettono la formazione di batteri nitrificatori e denitrificatori. Tutto questo è permesso non solo dall’insediamento dei batteri nel substrato, ma bensì dagli organismi bentonici che lo ospitano (vermi, copepodi, piccoli crostacei, lumache e stelle marine) che contribuiscono alla rimozione degli avanzi di mangiare ed i prodotti di scarto dei pesci trasformandoli in sostanze innocue e nutrimento per i batteri, ed inoltre, con il loro costante movimento contribuiscono allo scambio gassoso nel substrato evitandone la cementificazione, dovuta alle secrezioni batteriche, che porterebbero a zone con completa assenza di ossigeno con conseguente insediamento da parte di batteri chemiotrofi (che invece di trasformare gli NO3- in N2, li trasformano in H2S), non direttamente pericolosi per la fauna, ma limiterebbe la funzionalità del DSB. Tutto questo insieme di fattori rende il DSB un metodo di filtraggio completo e ricco allo stesso tempo di biodiversità, che lo rende al contempo anche difficile da mantenere.

Allestimento acquario marino con metodo DSB

Iniziamo dalla parte più difficile del DSB, la “pazienza”, perché senza questo ingrediente fondamentale è meglio abbandonare l’impresa. Ho voluto specificare questo perché come detto nella precedente parte, il funzionamento del DSB si basa su una ricca biodiversità nella fauna bentonica che lo ospita, che necessità di molto tempo (almeno 6 mesi) per poter arrivare ad un numero sufficiente per riprodursi e rimanere stabile nonostante la predazione dei futuri inquilini.

Passiamo ora alla parte tecnica; dopo anni di tentativi ed esperimenti si è arrivati alla misura ideale del fondo che è compresa tra i 10-15 cm, quantità inferiori non creerebbero la situazione ideale per l’insediamento dei batteri anaerobici, mentre quantità maggiori portano alla cementificazione dello strato inferiore causato dal maggior peso del substrato che impedisce ai vari organismi di smuoverlo.

A questo punto si può scegliere se realizzare il DSB direttamente in vasca o realizzarlo in un Refugium a parte (scelta più idonea in casi di vasche con una colonna d’acqua scarsa) che permette anche l’introduzione e la coltivazione di una buona quantità di Macroalghe. Il materiale più idoneo per la sua realizzazione è l’Aragonite tra i 0,2-0,5 mm, che grazie alla sua forma sferica aiuta a mantenere un buon ricircolo d’acqua ed allo stesso tempo permette ai vari organismi di spostarsi più facilmente al suo interno. In commercio se ne trova di vari tipi, alcuni dei quali già dotati di colonie batteriche e uova di varie specie bentoniche (chiamati live sand).




Nel caso di semplice Aragonite un breve lavaggio è consigliato, ma per il live sand; assolutamente no perché andrebbe a compromettere la fauna al suo interno. Dopo aver preparato il fondo della vasca (tra i 10-15cm), si procederà con il riempimento aiutandosi o con un piatto (o superfici simili) per evitare solchi ed un eccessivo intorbidimento dell’acqua; concluso questo si possono avviare i sistemi di filtraggio ausiliari. Le rocce vive possono essere introdotte nello stesso momento (consigliato in caso si utilizzi Aragonite pura) per aiutare l’inoculo del DSB, o posteriormente in caso si utilizzi live sand.

Durante il periodo di maturazione del DSB, soprattutto in assenza di rocce vive, è meglio evitare l’illuminazione per aumentare l’attività degli organismi bentonici (principalmente attivi a buio). L’inizio della maturazione sarà evidenziato sia dai cunicoli formati dagli organismi Bentonici ma soprattutto dalle prime bollicine di Azoto che si vedranno salire in superficie dal fondo.

Pro e contro del DSB

PRO: Arricchisce di biodiversità la vasca ed aumenta di parecchio la superficie destinata all’insediamento dei batteri destinati alle funzioni denitrificanti e denitratori; in caso si utilizzi in un Refugium, contribuisce a fornire alimento vivo per la fauna della vasca; permette la realizzazione di vasche con minor quantità di rocce.

CONTRO: Un lungo tempo di maturazione; necessità di introdurre almeno ogni sei mesi inoculi di organismi bentonici per mantenere la biodiversità; evitare organismi che smuovano eccessivamente il fondo; possibilità di collasso dell’intero sistema con tragiche conseguenze (questo però può avvenire anche in altre tipologie di allestimento!!!). In conclusione posso solo ribadire ciò che è stato detto all’inizio dell’articolo; è un metodo estremamente affascinante che può dare grandi soddisfazioni. Ma necessita di una buona esperienza che permetta di mantenerlo efficiente, per cui è da sconsigliarsi a chi si avvicina per la prima volta all’acquario Marino.

Articolo di Angelprao

Sull’argomento acquario marino

Articoli e recensioni che riguardano il mondo marino che ti potrebbero interessare:

Metodo DSB per allestire un acquario marino
8 (80%) 1 vote



Forum Plus

Amministratore del sito Forum Plus, appassionato di Internet, informazione e cultura.

Condividi
  • 1
  •  
  •  

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Nota: Devi accettare la Privacy Policy per inviare un commento. Qualsiasi tipo di commento non inerente all'argomento verrà immediatamente cancellato.

sei + 2 =