Piante acquatiche

Guida su tutte le piante acquatiche. L’acqua è di per se una cosa viva, sia che scenda a valle lungo un rio, o che sfoci placandosi in un quasi ed apparentemente stato immobile in uno stagno, ma è sufficiente un refolo di vento per incresparla e vivacizzarla, catturando così la nostra attenzione. La vista di uno specchio d’acqua, per piccolo che sia, bordato di piante che emergono dalla sua profondità, con qualche pianta galleggiante e vivaci pesciolini che guizzano qui e là, è di per se una visione in grado di donarci immediatamente un caldo senso di pace e di serenità.

Piante acquatiche
Piante acquatiche

La ricostruzione di uno stagno, è in pratica, l’espressione estetica di un ambiente acquatico situato solitamente al limitare di un bosco, posto in una zona pianeggiante, magari ai piedi di una verde collina. Uno specchio d’acqua con una bordura di piante che anche se ben ancorate sul fondo dello stesso, emergono e si estendono cambiando forma e dimensione e spesso sorprendendoci con delle magnifiche fioriture, e visitate periodicamente da una serie infinita di di insetti, è in pratica, una delle più affascinanti avventure acquariofile che un appassionato possa provare.

Le piante acquatiche

Molto spesso, siamo spaventati dalle dimensioni che questi bacini dovrebbero avere, la proporzione con la natura è spesso senza senza storia, ma dimentichiamo che anche una semplice bacinella di pochi litri può anche esserci d’aiuto. E questo allestimento, cambierà completamente l’immagine e l’aspetto del nostro giardino. La regola aurea per questo tipo di espressione naturalistica, è quella che dovremo cercare di posizionare il laghetto, sempre in pieno sole. Questa regola è e sarà fondamentale, ricordiamocene in seguito. I bacini così creati possono avere molte forme, da quelle solite commerciali con i laghetti stampati in materiale plastico, a quelle molto più irregolari e per questo più accattivanti, create con dei fogli di materiale impermeabile, semplicemente stesi sui bordi dello scavo preparato. E’ possibile seguendo questo pensiero, creare vari stadi di bacini, posizionati e scavati a scalare, sfruttando l’andamento del terreno, magari con delle cascatelle poste tra una buca e l’altra, ma sempre alla fine, avremo un piccolo bacino, uno stagno che raccoglierà l’acqua di caduta e che sarà popolato di vegetali ed animali.

Pianta palustre con fiore
Pianta palustre con fiore

Le vere regine di questi ambienti, da sempre sono le piante palustri, o come preferiscono chiamarle gli altri europei, piante pond. Una raccomandazione, frutto del pensiero di un grande Maestro dell’acquariofilia mondiale, da tener sempre ben presente quando si comincia un allestimento, sia esso un acquario che un laghetto da giardino. Non cerchiamo di copiare la natura, ma cerchiamo invece di comprenderla. Il confine se ci pensate, tra i due concetti è molto labile, ma di estrema saggezza. Nella maggior parte dei casi, le piante acquatiche pond si presentano proprio come qualsiasi altro tipo di pianta. Hanno radici, foglie, steli, e di solito ci regalano delle splendide fioriture. Come tutte le piante, hanno bisogno di luce solare e di sostentamento per crescere e svilupparsi. Hanno bisogno di aria per respirare e acqua da bere. Ciò che rende le piante acquatiche diverse dalle terricole, è proprio la loro capacità di crescere in un ambiente acquatico.

La maggior parte delle piante terrestri non possono tollerare questi ambienti acquatici perché mal sopportano i “piedi umidi”, le radici immerse nel terreno bagnato o in acqua, inibiscono la loro crescita, sino a deperire vistosamente. Sono ancora meno tolleranti se il fogliame viene sommerso del tutto. Per le piante acquatiche al contrario, queste condizioni sono utili, indispensabili, addirittura vitali, le loro radici, gli steli e le loro foglie si sono adattate in modo da richiedere un aumento dei livelli di acqua per sopravvivere. L’idroponica, coinvolge la coltivazione delle piante terrestri in un ambiente inerte, periodicamente l’applicazione di una soluzione nutritiva è necessaria per mantenere le piante. Le piante acquatiche hanno bisogno di un terreno impregnato d’acqua per crescere e prosperare.

Come sono le radici delle piante acquatiche

Le radici nella maggior parte delle piante acquatiche non hanno peli radicali che invece le piante terrestri possiedono. I peli radicali hanno la funzione di tirare l’acqua dal suolo. Non averli, significa che le piante acquatiche sono in grado di estrarre l’acqua dal suolo. Semplicemente prendono l’acqua senza ricerca, tensione o sforzo. Alcune piante acquatiche usano la pressione dell’acqua per forzarla. Per esempio, le foglie della pianta Pontederia cordata agiscono come torri d’acqua, crescendo più brevi in acque basse e più alte in acque profonde.

Come sono le foglie e gli steli delle piante acquatiche

Le foglie delle piante acquatiche sono generalmente più cerose e hanno gli stomi sulla superficie della foglia piuttosto che sotto, o almeno, ne hanno un numero ridotto sul fondo. Gli stomi sono pori nell’epidermide della foglia in cui l’ossigeno viene scambiato. La maggior parte delle piante terrestri hanno gli stomi sulla parte inferiore delle foglie per proteggere la pianta dalla perdita di troppa umidità. Questo non è un problema per le piante acquatiche. Gli steli delle piante acquatiche sono spesso simili a quelle delle piante terrestri. Le foglie e gli steli sono spesso un po ‘spugnosi perché hanno dei fori di aerazione minuscoli. Parecchie piante, come la loto, hanno dei cavi, vacuoli d’aria gonfiati.

Hippuris vulgaris
Hippuris vulgaris

Hanno adattato delle camere d’aria più grandi per pompare l’ ossigeno fino alle radici. Negli alberi e nelle piante terrestri, l’ossigeno deriva sia dal terreno attraverso le radici che dall’aria attraverso le foglie. Questi adattamenti al mondo acquatico, hanno dato a molte piante acquatiche la capacità di galleggiare sulla superficie dell’acqua. I fiori sulle piante acquatiche hanno una struttura simile alle piante terrestri. Tendono ad essere più resistenti in acqua, però, hanno un rivestimento più ceroso per proteggersi. Le piante acquatiche sono più comunemente classificate per la loro posizione nell’ambiente. Le piante che crescono nel terreno bagnato o umido, o che crescono in pochi centimetri ad alcuni metri d’acqua, sono chiamate “Piante acquatiche”, stanno poi classificate per quanta acqua hanno bisogno, o tollerano per poter crescere.

Piante acquatiche sommerse

Le piante che crescono interamente sott’acqua sono chiamate “piante acquatiche sommerse“. Sono anche dette ossigenatori, per la loro capacità di aggiungere ossigeno nella colonna d’acqua durante il giorno. Comprendono le piante d’acquario che vengono coltivate in vasche con pesci rossi o altri pesci tropicali. Comprendono anche le molte piante subacquee che prevedono una coperture e la deposizione delle uova per i pesci nei laghi naturali, fiumi e stagni. Non sottovalutate la bellezza delle piante sommerse nell’acqua di un giardino. Molte di loro hanno fogliami colorati che brillano sott’acqua, e molte altre, hanno anche i fiori che galleggiano sulla superficie dell’acqua durante l’estate.

Piante acquatiche emerse

Le piante acquatiche che si trovano sulla superficie dell’acqua senza bisogno di terreno sono chiamate galleggianti. Queste piante non sono particolarmente difficili da coltivare. Possono avere dei brillanti fiori che iniziano a crescere quando il clima si riscalda fino all’autunno. Le piante ai margini di un laghetto, si chiamano “marginali”. Queste piante crescono con le loro radici nel terreno, ma con la maggior parte del loro fogliame sopra il suolo e fuori dall’acqua. Sono anche denominate “emergenti“, perché le loro foglie emergono sopra il suolo e l’acqua. Alcune crescono nel terreno, mentre altre solo pochi centimetri sotto l’acqua. I membri più noti delle piante acquatiche emerse sono le ninfee. Le loro foglie sono rotonde e galleggiano con dei fiori con molti petali. Possono variare nelle forme da rotonde a stellate. Alcune di queste piante sono galleggianti sull’acqua, mentre altre si sviluppano su steli fuori dall’acqua. Le Ninfee sono classificate in due grandi gruppi, resistenti e sopravvivono agli inverni più freddi. Le ninfee tropicali non possono sopportare il congelamento invernale e hanno bisogno di speciali cure durante i mesi più freddi.

Fiori di Loto
Fiori di Loto

Per capire se una ninfea è tropicale, basta guardare il bordo delle sue foglie arrotondate, se il bordo è liscio, non è una ninfea tropicale. Se il bordo è increspato, ondulato, o dentato, è tropicale. I fiori sono disponibili in molti colori; bianco, rosso, rosa, giallo, arancio e anche combinazioni. Le foglie possono essere chiare o verde scuro, a volte bordate in rosso o marrone. Le foglie inferiori possono essere verdi, marroni o in rosso scuro. Le piante che non sono ninfee, ma che crescono nel terreno, sotto la superficie dell’acqua e che tengono le loro foglie e fiori sulla superficie dell’acqua sono raggruppate come “Gigli”. Alcune, come le Nymphoides, possono essere delicate, con fiori a forma di stella e arrotondate. Altre, come i papaveri d’acqua Hydrocleys, hanno i fiori gialli crema che assomigliano a delle singole rose. Alcune sono molto resistenti al freddo, come la Aponogeton distachyus, che preferisce le fresche acque della primavera e l’autunno.

Loto

Le Loto sono simili alle ninfee, ma tengono le loro foglie e i fiori ben al di sopra dell’acqua. Molte varietà che sono commercialmente disponibili, sono di origine Orientale. Le Loto (Lotus) hanno una forma che ricorda una ciotola, i fiori sono molto profumati con colori delicati; rosa, bianco sono i più comuni, ma anche giallo e un buio rosa che è quasi rosso. Le foglie di loto sono molto rotonde e stanno fuori dall’acqua come ombrelloni. Sono coperte con una cera vellutata che sembrano piccole palline di mercurio. Le Loto cultivar crescono ovunque e vengono selezionate per crescere in piccoli contenitori. Crescono in paludi anche con pochi centimetri di acqua stagnante. Come le altre piante, hanno bisogno soprattutto di una giusta quantità di umidità, luce solare, e sostanze per crescere.

Le piante acquatiche Pond e il terreno

Se si chiede a dieci giardinieri che cosa usano per piantare le loro ninfee, probabilmente si otterranno dieci risposte diverse. Il terreno argilloso, la sabbia, anche la lettiera per gatti, sono tutti terreni che hanno i loro sostenitori sul dibattito del “perfetto” mix tra pianta acquatica e invasatura. Nessun mezzo di una invasatura è giusto per tutte le piante. Le piante, in genere, hanno bisogno di un mezzo di impregnazione per tre motivi:

  • Ancoraggio
  • Fecondazione
  • Ritenzione dell’umidità

Le piante in vaso rimangono piedi dritte e non cadono, il vaso detiene i nutrienti di cui le piante hanno bisogno per crescere e per la fioritura, e contiene l’acqua che le piante devono avere. La scelta più ovvia per invasatura di una pianta acquatica è il terreno di un giardino, ma ci sono diversi tipi di terreno. Due dei più comuni sono il terreno argilloso e il terreno sabbioso. Le piante acquatiche crescono meglio nel suolo argilloso che detiene più acqua e sostanze nutritive per la pianta. Il terreno argilloso è l’ideale per tutte le piante acquatiche. Il terreno sabbioso, invece, è l’ideale per le piante basse. Le piante che crescono nel terreno sabbioso devono essere fertilizzate regolarmente. il terriccio, di solito, contiene un alto grado di materia organiche, come ad esempio torba e letame. Sono l’ideale per gerani e cespugli di rose, ma possono essere dannosi, anche mortali, per le piante acquatiche.

La sostanza organica inizia a marcire e a decadere una volta che si bagna il terriccio. Appena il materiale organico si decompone, rilascia sali e altre sostanze chimiche che possono bruciare le radici della pianta. La ghiaia e piccoli ciottoli sono l’ideale per la filtrazione in vaso, le radici possono prendere i nutrienti che passano attraverso le fessure create dalle piccole pietre. Le piante acquatiche crescono meglio con filtri biologici per pulire l’acqua. Non preoccupatevi di concimare le piante in vaso con ghiaia.

Fertilizzazione piante acquatiche pond

Come le vitamine per gli esseri umani, il fertilizzante fornisce le basi necessarie per le piante per vivere e crescere. Il fertilizzante funziona manipolando tre ingredienti di base; azoto, fosforo e potassio (NPK). I tre numeri che appaiono su tutti i pacchetti di fertilizzante. A seconda delle quantità di ciascuno di questi ingredienti, i fertilizzanti possono far crescere meglio le piante, più foglie, più frutta o possono produrre più fiori. Alcuni componenti dei fertilizzanti e certi tipi di concimi, sono meno efficaci se usati nello stagno. Conoscendo queste importanti distinzioni aiuteremo le piante a crescere meglio, più forti e più sane nello stagno.

Azoto

Il primo ingrediente elencato in sacchi di fertilizzante è N, che sta per l’azoto. L’azoto è usato dalle piante per produrre la crescita del fogliame in modo sano. L’erba dei prati in estate, ha sempre un’alta concentrazione di azoto. L’azoto è prodotto in stagni come parte del ciclo naturale, in cui l’ammoniaca dal pesce di scarto si scompone in nitriti, che viene convertito in nitrato, che le piante assorbono. Generalmente, le piante acquatiche crescono meglio se il loro concime contiene una certa quantità di azoto, anche se possono trovare azoto nell’acqua.

Fosforo

Il secondo ingrediente elencato per fertilizzante è P, che sta per il fosforo e si trova in fosfato. Questo è l’ingrediente che le piante hanno maggiormente bisogno. Elencato come 10-52-10. Il 52 significa che è stato aggiunto fosforo, così le piante possono produrre un sacco di fiori. Le quantità di fosforo e azoto sono correlate. Le piante hanno bisogno di un atomo di fosforo e di utilizzare sette atomi di azoto. Senza abbastanza fosforo, le piante sono incapaci di assimilare e utilizzare l’azoto. Non avendo abbastanza fosforo, la pianta può rallentare la sua crescita. Anche se il fosforo si verifica naturalmente nella maggior parte delle acque negli Stati Uniti, alcune nuove prove dimostrano che gran parte di essa è in una forma che le piante non possono assorbire.

Potassio

Il terzo ingrediente elencato in una scatola di fertilizzante è K, che sta per potassio. È il cibo necessario per la pianta e che la rende forte. Le piante usano il potassio per sviluppare le radici, immagazzinare energia, e costruire le cellule. L’acqua di stagno contiene naturalmente una certa quantità di potassio. Nello stagno, anche se le piante acquatiche possono assorbire naturalmente il potassio, avranno un grosso aiuto nella crescita dalla fertilizzazione che contiene potassio.

Micronutrienti

Oltre alle tre principali basi per una buona pianta in salute, i micronutrienti possono svolgere un ruolo importante chiamato “Oligoelementi“. Le piante hanno bisogno di loro solo in piccoli importi, includono calcio, magnesio, zolfo, ferro, manganese, rame, zinco e boro. Questi elementi, vengono in soccorso della pianta con la fotosintesi, la produzione di clorofilla, produzione di vitamina, e molti altri importanti funzioni. La maggior parte delle piante, tra cui le piante acquatiche, richiedono un suolo e acqua a pH varia tra 6,5 ​​e 8,5 per essere in grado di assorbire i micronutrienti correttamente.

Tipi di fertilizzante

Qualunque sia il tipo di fertilizzante, assicuratevi di controllare l’etichetta. Prestate attenzione al rapporto tra N, P, K e che esso contiene. Se un fertilizzante è per piante perenni o appositamente progettato per impianti idrici, se utilizzate un rapporto inferiore, come 6-6-6, è sempre meglio che usate un rapporto più elevato, come ad esempio 20-20-20. Un rapporto troppo elevato può bruciare le radici di una pianta, provocando più male che bene. Un fertilizzante che ha un rapporto approssimativamente equivalente di azoto, fosforo, e potassio, di solito è meglio per stagni in primavera. Le forme organiche di fertilizzante dovrebbero essere utilizzate per le piante con grande cautela, o meglio ancora, non a tutti. Quando mescolato nel terreno, i fertilizzanti organici come la farina di ossa e simili, rilasciano composti che gradualmente interagiscono con il terreno e l’umidità intorno a loro. I loro composti possono rispondere in modo diverso quando immersi in acqua o tenuti in continua umidità nella palude o in acqua in giardino. Alcuni materiali organici creano sali come sottoprodotto della decomposizione. Nelle piante perenni da giardino, questi sali richiedono più tempo per sviluppare e si allontanano dalle piante, senza effetti negativi.

Nello stagno, però, si sviluppano più rapidamente e rimangono nel terreno più a lungo. Il letame, per esempio, è spesso consigliato come fertilizzante per piante acquatiche da stagno. Se non è molto, tuttavia, il letame continua a marcire sott’acqua e potrà inibire la crescita e la salute delle piante. Se hai un sacco di letame, utilizzalo per le verdure, le rose, e non piuttosto per le vostre piante acquatiche da stagno. Foglie, detriti, fieno, e altro, non dovrebbe mai essere miscelato con terriccio per piante da stagno. Anche questi, si decompongono nello stagno e danneggiano le piante. I fertilizzanti per piante acquatiche sono stati progettati, studiati e testati per essere efficaci per le circostanze particolari delle piante acquatiche.

Concimi per piante perenni, alberi e arbusti sono stati fatti per molte differenti condizioni e non possono rispondere allo stesso modo quando immesse in acqua. I proprietari di stagni dovrebbero stare attenti quando utilizzano concimi non progettati per gli stagni, sia per la salute delle piante che per i pesci. Una buona regola, indipendentemente dal tipo di fertilizzante, è quello di alimentazioni alternative per diminuire l’effetto del fertilizzante. Fertilizzare la metà delle piante una volta alla settimana, e poi il resto delle piante una settimana dopo. In primavera, fertilizziamo metà delle piante, poi aspettare due settimane prima di concimare le altra. In estate, aspettiamo una settimana anziché due prima della concimazione della seconda metà delle piante. Seguire sempre le istruzioni del produttore per la concimazione di tutte le piante acquatiche.

Fertilizzante liquido

I fertilizzanti che sono già in forma liquida sono un grande vantaggio per i giardinieri che coltivano le piante da appartamento. Basta aggiungere un cucchiaino in un litro d’acqua e si può usare per innaffiare tutte le piante in casa. I fertilizzanti liquidi possono essere un grosso problema per i giardinieri che coltivano piante acquatiche. Il liquido può fuoriuscire rapidamente per diluirsi nello stagno. Se si decide di utilizzare un concime liquido, controllate la sua lista degli ingredienti per essere sicuri che tutte e tre le sostanze nutritive, N, P e K ci siano. Alcuni fertilizzanti liquidi contengono principalmente potassio (K) e magari un po ‘di ferro. Questo metodo di fertilizzazione è molto utile per le piante acquatiche come per la Eichhornia crassipes e la lattuga d’acqua Stratiotes pistia senza intaccare l’acqua dello stagno.

Alcuni fertilizzanti sembrano essere granulari, ma sono classificati come idrosolubili. Sono spesso applicati dopo essere stati miscelati con acqua e vengono spruzzati sulle foglie dove vengono assorbiti direttamente. I fertilizzanti fogliari sono meravigliosi per rose o orti. Un fertilizzante idrosolubile è semplicemente una forma disidratata di fertilizzante liquido (come gelatina. Una volta che si aggiunge acqua, si trasforma in un fertilizzante liquido che promuoverà le alghe e la loro crescita. Il miglior consiglio è di evitare di usarlo per concimare le piante acquatiche. Il Cloruro di potassio nella sua forma pura è un solubile in acqua e sale. Dal momento che contiene soprattutto potassio, favorisce la salute e la vitalità delle piante, ma non aiutano il fogliare, la crescita o la fioritura.

Quali sono le piante pond più comuni

In questo breve elenco trovate indicate le più comuni piante pond con i loro nomi comuni:

  • Stratiotes aloides – detta anche, Aloe d’acqua
  • Aponogeton distachyus
  • Asarum europaeum – detta anche, Baccaro
  • Cabomba acquatica
  • Acorus calamus – detta anche, Calamo aromatico
  • Arundo donax – detta anche, Canna comune
  • Phragmites communis – detta anche, Cannuccia da palude
  • Carex riparia – detta anche, Carice
  • Trapa natans – detta anche, Castagna d’acqua
  • Cyperus spp. – detta anche, Cipero
  • Drosera spp
  • Elodea canadensis
  • Callitriche palustris – detta anche, Erba gamberaia
  • Euriophorum spp – detta anche, Eriofora
  • Nelumbo nucifera – detta anche, Fior di loto
  • Eicchornia crassipes – detta anche, Giacinto d’acqua
  • Juncus effusus – detta anche, Giunco
  • Butomus umbrellatus – detta anche, Giunco fiorito
  • Gliceria maxima
  • Hydrocleis nympheoides
  • Iris pseudoacorus – detta anche, Iris di palude
  • Pistia stratoides – detta anche, Lattuga d’acqua
  • Lemna spp – detta anche, Lenticchia d’acqua
  • Lysichitum spp
  • Typha latifolia – detta anche, Mazza sorda
  • Mente aquatica – detta anche, Menta acquatica
  • Myriophyllum spp – detta anche, Millefoglia d’acqua
  • Hydrocharis morsus ranae – detta anche, Morso di rana
  • Nupha lutea
  • Nynphaea alba
  • Hottonia palustris
  • Parnassia palustris – detta anche, Parnassia
  • Alisma plantago acquatica – detta anche, Piantaggine d’acqua
  • Petasites officinalis
  • Potamogeton spp
  • Pontederia cordata
  • Ranunculus aquatilis – detta anche, Ranuncolo d’acqua
  • Sagittaria sagittaefolia – detta anche, Sagittaria
  • Lytrum salicaria – detta anche, Salicaria
  • Scirpus cernuus – detta anche, Scirpo
  • Menyanthes trifoliata – detta anche, Trifoglio d’acqua
  • Vallisneria spiralis
  • Vittoria regia

Sull’argomento piante acquatiche ti potrebbero interessare:

OffertaPiù venduti - Posizione n. 1
Kicode Semi di piante acquatiche Erba Acqua Muschio Paesaggio Decorazione del laghetto Acquario Semi di piante Fiori...
1 Recensioni
Kicode Semi di piante acquatiche Erba Acqua Muschio Paesaggio Decorazione del laghetto Acquario Semi di piante Fiori...
  • Facile da germinare tagliare il guscio duro dalla fine del seme, becareful non far male il seme...
  • Purificazione dell'aria
  • La pianta produce un bellissimo fiore con foglie verdi lucide, oblunghe e a forma di cuore
OffertaPiù venduti - Posizione n. 2
Kicode Semi di piante acquatiche Erba Acqua Muschio Paesaggio Decorazione del laghetto Acquario(1 Pack) Erba Acqua...
7 Recensioni
Kicode Semi di piante acquatiche Erba Acqua Muschio Paesaggio Decorazione del laghetto Acquario(1 Pack) Erba Acqua...
  • Fa un eccellente impianto di acquario in primo piano.
  • È facile da curare e i semi crescono rapidamente.
  • I semi sono molto piccoli, quindi solo un ordine può riempire una vasta area all'interno...
Più venduti - Posizione n. 3
Velda 122250 – Fertilizzante per piante acquatiche, 50 palle – Palline di crescita
  • Lussuoso la crescita delle piante: fertilizzante per piante fecondazione Water Lilies mirati e Marsh...
  • Facile da usare: il concime sfera di bloccaggio a pianta radice nel suolo
  • La fornitura di sostanze nutritive, oligoelementi e minerali a destra al le radici delle piante
Più venduti - Posizione n. 4
Liveseeds - Ciotola di loto / acqua giglio di fiori di semi / bonsai semi di loto / Sapphire Lotus / 5 semi freschi
3 Recensioni
Liveseeds - Ciotola di loto / acqua giglio di fiori di semi / bonsai semi di loto / Sapphire Lotus / 5 semi freschi
  • Liveseeds - Ciotola di loto / acqua giglio di fiori di semi / bonsai semi di loto / Sapphire Lotus /...
  • Coltivare Difficoltà Grado: Molto Facile
  • Uso: Indoor / Outdoor
Più venduti - Posizione n. 5
Oase 51201 Cestello per Piante Rettangolare in Tessuto, Colore Nero
2 Recensioni
Più venduti - Posizione n. 6
Pianta vera per acquario, Anubias barteri var. nana
  • Pianta vera per acquario.
  • Piante per acquario.
  • -
Più venduti - Posizione n. 7
Velda 127594 - Contenitore per piante per diverse piante acquatiche, 80 x 10 cm
1 Recensioni
Velda 127594 - Contenitore per piante per diverse piante acquatiche, 80 x 10 cm
  • Lussuoso piante splendore in stagno bordi e curve: cesto per piante flessibile per tre fino a...
  • Semplice da usare: riempire del livello con terriccio, mettono in cestino, da coprire con ghiaia...
  • Materiale a maglie, personalizzata piantare, flessibile e stabile posizionamento
OffertaPiù venduti - Posizione n. 8
Aglio gigante (Allium Giganteum) - 30 semi / pacco - aglio decorativo, grandi dimensioni
15 Recensioni
Aglio gigante (Allium Giganteum) - 30 semi / pacco - aglio decorativo, grandi dimensioni
  • 🌱 Aglio gigante (Allium Giganteum) - 30 semi / pacco - aglio decorativo, colore dei fiori:...
  • 🌱 Pianta ornamentale che raggiunge un'altezza da 80 fino ai 150 cm, resistente al freddo,...
  • 🌱 Ideale per balcone e terrazza o come un fiore reciso per il vaso
Piante acquatiche
10 (100%) 1 vote