Forum Plus: Film, serie TV, musica, viaggi, articoli scientifici, natura e ambiente, mistero, horror e recensioni prodotti per la casa e per il tempo libero. Le più interessanti recensioni di prodotti e articoli su tutto quello che riguarda Internet.

Pogostemon helferi [Pianta anfibia Asiatica]

Pogostemon helferi è una pianta anfibia di origine asiatica, appartenente alla famiglia delle Lamiaceae. Nella lingua locale è chiamata “Dao noi”, che significa “piccola stella”. infatti, se guardata dall’alto, la pianta ha le sembianze di una stella a 5/6 punte.

La pianta anfibia Pogostemon helferi

Negli ultimi anni si sta diffondendo molto l’utilizzo della Pogostemon helferi, grazie al suo aspetto singolare ed al fatto che, con i suoi 5-10 cm di altezza, si presta molto bene ad essere messa in posizione di primo piano. In natura la si trova in forma sommersa durante la stagione delle piogge, oppure in forma emersa durante la stagione asciutta. La Pogostemon helferi è una pianta a rosetta che, in condizioni di illuminazione intensa, resta bassa (altrimenti tenderà a svilupparsi in altezza) formando un fitto tappeto di foglie. Queste ultime sono di un colore verde brillante, fini, arcuate, arricciate e presentano il profilo ondulato. Proprio grazie al modo in cui sono posizionate queste foglie, osservando dall’alto, vedremo la forma di stella a cui abbiamo già accennato. Se coltivata emersa fiorisce con dei piccoli fiori bianchi.

Pogostemon helferi

Pogostemon helferi in acquario

La crescita di queste piante acquatiche è medio rapida, dipendente molto dalla luce, dalla CO2 e dai nutrienti presenti sul fondo. Ricordiamoci che è una pianta che si nutre in modo prevalente per via radicale. La propagazione è per stoloni, mentre la riproduzione è possibile anche per talea. Per la posizione in vasca è opportuno tener conto di due fattori principali: l’altezza e la necessità di forte luce. Dovremmo quindi prediligere una collocazione di primo piano, su un fondo poroso e ricco di nutrienti, e sotto una luce forte e diretta. Faremo dunque attenzione che non sia ombreggiata da piante galleggianti o troppo alte che la possano coprire.

Valori dell’acqua, esigenze e carenze

Nonostante l’esigenza di luce e nutrienti non è una pianta difficile da coltivare in acquario, infatti si adatta molto bene all’acqua delle nostre vasche e ciò è dovuto, con molta probabilità, al fatto che in natura è soggetta ad una variazione della qualità dell’acqua tra i due periodi climatici tipici della zona (stagione asciutta – stagione delle piogge). E’ adatta quindi anche ai neofiti.

Carenze

Luce: Come già visto, se non ha una luce intensa tenderà ad essere più alta della media (anche 15 cm). Ferro: questa carenza la possiamo facilmente evincere dall’eventuale colore giallastro delle foglie. CO2: in sua assenza, la crescita sarà rallentata. Valori dell’acqua consigliati:

  • pH: 6,0 – 7,5
  • GH: 3 – 18 °dGH
  • Temperatura: 21 – 30 °C

Curiosità sulla pianta acquatica Pogostemon helferi

La Pogostemon helferi fu scoperta per la prima volta nel 1885 da Joseph Dalton Hooker, che la chiamò Dysophylla helferi. Successivamente, ci furono varie revisioni che collocarono la pianta in altri generi; è quindi possibile sentirla chiamare Anuragia helferi o Eusteralis helferi, nomi che oggi vengono accettati come sinonimi. Il nome attualmente riconosciuto, Pogostemon helferi, è stato introdotto nel 1982. In acquariofilia, la pianta è stata introdotta solo in epoca recente, nel 2004, da Nonn Panitvong e Arthit Prasartkul, che ne raccolsero alcuni esemplari in Thailandia, al confine con il Myanmar. I campioni raccolti da Prasartkul, provenivano dal fiume Kwai, lo stesso che divenne famosissimo nel 1957, con il film “Il Ponte sul Fiume Kwai” che vinse 7 Premi Oscar.

Sull’argomento piante acquatiche

Pogostemon helferi [Pianta anfibia Asiatica]
Vota questo articolo

Amministratore del sito Forum Plus, appassionato di Internet, informazione e cultura.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •