Sicurezza elettrica in acquariofilia

La sicurezza elettrica in casa e in acquariofilia è molto importante. L’elettricità può essere molto pericolosa, soprattutto se utilizzata in presenza di acqua; il caso ci riguarda molto da vicino, per cui ogni qual volta effettuiamo un intervento sull’impianto elettrico del nostro acquario piuttosto che una semplice manutenzione BISOGNA staccare tutti gli apparecchi dalla rete elettrica: per lavorare con l’elettricità bisogna sapere dove mettere le mani e, cosa ancora più importante, bisogna che queste ultime siano asciutte.

Sicurezza elettrica in casa e in acquariofilia
Sicurezza elettrica

L’elettricità infatti non viaggia solo attraverso i cavi ma anche attraverso l’acqua, che di per sé è un isolante, ma per effetto dei sali disciolti in essa diventa un ottimo conduttore. Per evitare di correre rischi è necessario che tutti gli apparecchi presenti in acquario (ma anche in casa) siano dotati di marchio CE.

Sicurezza elettrica: Il marchio

La conformità europea (CE), è il marchio che certifica che un apparecchio rispetta le direttive di sicurezza imposte dalla comunità europea (o anche da un singolo paese membro di essa). Oltre al marchio CE è possibile trovare altre marchiature, come per le aziende italiane il marchio IMQ (marchio italiano di qualità) e per quelle tedesche il marchio Tüv; queste marchiature devono essere associate al marchio CE (per legge) ma assicurano che l’apparecchio rispetta norme ancor più severe rispetto a quelle CE. In effetti la presenza del marchio CE non garantisce in assoluto che l’apparecchio sia rispettoso della direttiva europea: il costruttore dichiara sotto la propria responsabilità (apponendo il marchio CE) che l’apparecchio rispetta le norme vigenti in quel momento, ma ciò non significa che questo le rispetti; sarà compito degli enti preposti al controllo verificare che l’apparecchio rispetti le norme di sicurezza elettrica.

Marchio CE
Marchio CE

Al contrario un apparecchio senza marchiatura CE, potrebbe rispettare le norme ma nessuno ha fatto prove o verifiche; in ogni caso non è possibile la vendita in Italia di prodotti non marchiati. Come per le apparecchiature elettriche anche per gli impianti vigono le stesse regole; gli impianti elettrici in casa devono essere fatti da personale qualificato che rilascia un certificato di idoneità, pena ad esempio la non validità dell’assicurazione che si ha sulla casa. Il consiglio che do è quindi di far eseguire modifiche o impianti solo da personale qualificato, nel caso in cui noi non abbiamo l’assoluta certezza di fare un lavoro a regola d’arte e in sicurezza elettrica.

Dimensionamento dei cavi elettrici

Ogni apparecchio assorbe una potenza espressa in Watt, questa informazione è reperibile su una etichetta posta sullo stesso e riporta tutte le informazioni sul suo funzionamento. Nel caso in cui dobbiamo dimensionare i cavi per un impianto elettrico, supponiamo ad esempio una lampada CFL da 23W, dovremo utilizzare dei cavi garantiti per sopportare un’intensità pari (o molto meglio superiore) di quella necessaria: sapendo che W=V x I (la potenza è pari ai Volt moltiplicata per l’intensità di corrente), conoscendo i valori di potenza e differenza di potenziale (Volt) potremo risalire al valore dell’intensità di corrente che sarà: I= W/V e quindi I=23/230 (in realtà, anche se siamo abituati sempre a sentir parlare di 220V, viene fornita a 230V) dove I sarà uguale a 0.1, i cavi per la nostra lampada dovranno sopportare almeno 0.1 ampere.

La messa a terra

Il cavo di messa a terra, previsto a seconda della normativa, è una sicurezza elettrica che serve a scaricare eventuali dispersioni dell’apparecchio a terra per evitare di prendere scosse, ed è l’unico cavo che ha un colore fisso (sempre uguale in tutti gli impianti): giallo-verde. Gli apparecchi (o nel nostro caso i portalampade) devono essere messi a terra tramite l’apposito cavo.

Ulteriori sicurezze elettriche in acquariofilia

A chi interessasse, sono in vendita nei negozi di acquariofilia, degli apparecchi simili nella forma a un termoriscaldatore, che assorbono e scaricano eventuali dispersioni nella rete, al fine di evitare di friggere i pesci. Ogni collegamento elettrico non deve essere esposto a umidità o a spruzzi, per evitare cortocircuiti; sarebbe bene inserire su entrambi i cavi di alimentazione un fusibile (calcolo di dimensionamento come per i cavi) per salvaguardare, in caso di corto circuito, gli apparecchi del nostro impianto. Un ottimo sistema di sicurezza elettrica in casa.

La classificazione IP

Gli apparecchi elettrici che vanno posti all’esterno o che possono venire in contatto con l’acqua hanno una dicitura del grado di sicurezza IP seguita da due numeri; la prima cifra indica la protezione dall’intrusione di corpi mentre la seconda dell’acqua. La prima cifra indica:

  • Protezione da oggetti solidi maggiori di 50 mm
  • Protezione da oggetti solidi maggiori di 12 mm
  • Protezione da oggetti solidi maggiori di 2.5 mm
  • Protezione da oggetti solidi maggiori di 1 mm
  • Protezione da polveri
  • Protezione forte da polveri

La seconda cifra indica:

  1. Protezione da gocce d’acqua
  2. Protezione da gocce d’acqua deviate fino a 15°
  3. Protezione da vapori d’acqua
  4. Protezione da spruzzi d’acqua
  5. Protezione da getti d’acqua
  6. Protezione da getti forti d’acqua o mareggiate
  7. Protezione contro l’immersione
  8. Protezione contro l’immersione continua

Va da se che gli apparecchi che metteremo nelle nostre vasche dovranno essere minimo IP67.

Conclusioni

Per la sicurezza elettrica in acquariofilia, dobbiamo tenere conto che tutti gli apparecchi progettati per gli acquari sono a tenuta stagna, e ci permettono di farli funzionare immersi in completa sicurezza. Ogni modifica all’impianto elettrico deve essere verificata da un esperto e comunque dovrebbe essere studiata per evitare che possano verificarsi contatti con umidità e/o acqua.

Sull’argomento acquariofilia

OffertaPiù venduti - Posizione n. 1
ABC dell'acquario d'acqua dolce
21 Recensioni
ABC dell'acquario d'acqua dolce
  • Francesco Guarnieri, Giorgio Melandri
  • Edizioni Moderna
OffertaPiù venduti - Posizione n. 2
L'acquario tropicale d'acqua dolce. Guida all'allestimento e alla gestione ottimale
2 Recensioni
L'acquario tropicale d'acqua dolce. Guida all'allestimento e alla gestione ottimale
  • Alessandro Mancini
  • Editoriale Olimpia
  • Copertina flessibile: 120 pagine
Più venduti - Posizione n. 3
Acquario Bilanciato: Il Metodo
  • Salvatore Savasta
  • Independently published
  • Copertina flessibile: 38 pagine
Sicurezza elettrica in acquariofilia
8 (80%) 1 vote

Amministratore del sito Forum Plus, appassionato di Internet, informazione e cultura.

Condividi questo articolo
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

About Forum Plus

Amministratore del sito Forum Plus, appassionato di Internet, informazione e cultura.

View all posts by Forum Plus →