Epilessia e attacchi epilettici

L’epilessia è uno dei più comuni disturbi neurologici gravi che ha colpito circa 39 milioni di persone solo nel 2015. Colpisce l’1% della popolazione dell’età di 20 anni e il 3% della popolazione dell’età dei 75 anni. È più comune nei maschi rispetto alle femmine e la maggior parte di quelli con questo disturbo sono nel mondo in via di sviluppo (Circa l’80%).

Epilessia
Epilessia

Nel mondo sviluppato, l’epilessia inizia più comunemente nei giovani o negli anziani. Nel mondo in via di sviluppo la sua insorgenza è più comune nei bambini e nei giovani a causa dei più alti tassi di traumi e malattie infettive. Nei paesi sviluppati il ​​numero di casi all’anno è diminuito nei bambini e aumentato tra gli anziani tra gli anni ’70 e il 2003. Questo è stato attribuito in parte a un maggior numero di casi di sopravvivenza dopo gli ictus negli anziani. L’epilessia non può di solito essere curata, ma i farmaci possono controllare efficacemente le convulsioni in circa il 70% dei casi.

attacchi epilettici
Attacchi epilettici

Le persone con epilessia sono a rischio di morte. La morte da status epilettico è principalmente dovuta a un problema di fondo piuttosto che a dosi mancanti di farmaci. Il maggiore aumento della mortalità per epilessia è tra gli anziani. Quelli con epilessia per causa sconosciuta, hanno un rischio leggermente maggiore di mortalità. Nel mondo in via di sviluppo, molte morti sono dovute a epilessia non trattata che porta a cadute o stato epilettico.

Storia dell’Epilessia e degli attacchi epilettici

Le più vecchie cartelle cliniche mostrano che l’epilessia ha colpito le persone fin da sempre. Nel corso della storia dell’uomo, si pensava che questa malattia fosse una condizione spirituale. La descrizione più antica del mondo di un attacco epilettico proviene da un testo in accadico, una lingua usata nell’antica Mesopotamia e fu scritto intorno al 2000 aC. La persona descritta nel testo fu diagnosticata come sotto l’influenza di un dio della luna, e subì un esorcismo.

Le crisi epilettiche sono elencate nel Codice di Hammurabi(1) nel 1790 aC come motivo per cui uno schiavo acquistato può essere restituito per un rimborso, e nel Papiro di Edwin Smith nel 1700 aC circa che descrive casi di individui con convulsioni epilettiche. Il più antico registro dettagliato della malattia stessa si trova nel Sakikku, un testo medico cuneiforme babilonese del 1067-1046 aC. Questo testo fornisce segni e sintomi, trattamento dei dettagli e risultati probabili.

Descrive molte caratteristiche dei diversi tipi di crisi. Poiché i Babilonesi non avevano alcuna comprensione biomedica della natura della malattia, attribuirono le convulsioni al possesso da parte degli spiriti maligni e invocarono il trattamento della condizione attraverso mezzi spirituali. Intorno al 900 aC, Punarvasu Atreya descrisse l’epilessia come perdita di coscienza. Una definizione che è stata portata avanti fino all’incirca il 400 aC.

Gli antichi greci avevano opinioni contraddittorie sulla malattia. Pensavano all’epilessia come a una forma di possesso spirituale, ma associavano anche la condizione al genio e al divino. Uno dei nomi che diedero fu la “malattia sacra“. L’epilessia compare nella mitologia greca associata alle dee della luna Selene e Artemide che affliggevano coloro che le turbavano. I greci pensavano che figure importanti come Giulio Cesare ed Ercole avevano questa malattia.

Epilessia e Ippocrate

La notevole eccezione a questa visione divina e spirituale fu quella della scuola di Ippocrate(2). Nel V secolo aC, Ippocrate respinse l’idea che la malattia fosse causata dagli spiriti. Nel suo fondamentale lavoro sulla malattia sacra, ha proposto che l’epilessia non fosse di origine divina ma un problema curabile dal punto di vista medico che ha origine nel cervello. Ha accusato quelli che attribuivano una causa sacra della malattia di diffondere l’ignoranza attraverso una credenza nella magia.

Ippocrate
Ippocrate

Ippocrate propose che l’ereditarietà fosse importante come causa. Descrisse risultati peggiori se la malattia si presentava in tenera età e prendeva nota delle caratteristiche fisiche e della vergogna sociale ad essa associata. Invece di riferirsi ad essa come la “malattia sacra”, ha usato il termine “grande malattia”. Nonostante il suo lavoro che dettagliasse le origini fisiche della malattia, la sua opinione non fu accettata all’epoca. Gli spiriti maligni continuarono ad essere accusati come causa della malattia fino almeno al 17 ° secolo.

Trattamento dell’Epilessia

Il trattamento di base dell’epilessia sono i farmaci anticonvulsivanti, probabilmente per tutta la vita della persona. La scelta dell’anticonvulsivo si basa sul tipo di crisi, la sindrome da epilessia, altri farmaci usati, altri problemi di salute, l’età e lo stile di vita della persona. Inizialmente, si consiglia un singolo farmaco; se questo non è efficace, si consiglia di passare a un altro farmaco. Due farmaci in una sola volta sono raccomandati solo se un singolo farmaco non funziona. Ci sono un certo numero di farmaci disponibili per questa malattia, incluso la fenitoina, la carbamazepina e il valproato.

Anticonvulsivante
Anticonvulsivante

L’anticonvulsivante meno costoso è il fenobarbitale e l’organizzazione mondiale della sanità lo raccomanda soprattutto nei paesi in via di sviluppo, infatti, viene comunemente ancora utilizzato in questi paesi ancora oggi. Tuttavia, l’accesso potrebbe essere difficile in quanto alcuni paesi lo etichettano come droga. La maggior parte degli effetti avversi sono i cambiamenti di umore, la sonnolenza o l’instabilità nell’andatura. Alcuni farmaci hanno effetti collaterali che non sono correlati ad eruzioni cutanee, tossicità epatica o soppressione del midollo osseo.

Fino a un quarto delle persone interrompono il trattamento a causa di effetti avversi. Alcuni farmaci sono associati a difetti alla nascita se usati in gravidanza. Molti dei comuni farmaci usati sono stati segnalati come causa di un aumento del rischio di difetti alla nascita, soprattutto se usati durante il primo trimestre. Nonostante ciò, il trattamento viene spesso proseguito poiché si ritiene che il rischio di epilessia non sia maggiore del rischio dei farmaci. L’interruzione dei farmaci può essere ragionevole in alcune persone che non hanno avuto attacchi epilettici per due o quattro anni.

Sull’argomento epilessia

OffertaPiù venduti - Posizione n. 1
Trattamento dell'epilessia
  • Simon D. Shorvon
  • Minerva Medica
  • Edizione n. 3 (03/01/2013)
OffertaPiù venduti - Posizione n. 2
Vivere con l'epilessia. Aspetti clinici, psicologici e culturali
  • Rita D'Amico, Mafalda Cipulli, Lia Giancristofaro
  • Franco Angeli
  • Edizione n. 1A (10/19/2010)
Più venduti - Posizione n. 3
A volte non abito qui
5 Recensioni
A volte non abito qui
  • Fondazione Epilessia Lice - Onlus
  • Fondazione Epilessia Lice - Onlus
  • Formato Kindle
Epilessia e attacchi epilettici
10 (100%) 1 vote

Amministratore del sito Forum Plus, appassionato di Internet, informazione e cultura.

Condividi questo articolo
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Note   [ + ]

1. Hammurabi: Sovrano babilonese, sesto Re della prima dinastia di Babilonia.
2. Ippocrate: Un medico, geografo e aforista greco antico, considerato il padre della medicina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × 2 =