Biodiversità delle isole

Biodiversità delle isole: Può essere banale dirlo, ma il mondo è sempre più piccolo. Per quelli in grado di permettersi un biglietto, non c’è praticamente angolo del mondo che non può essere raggiunto in pochi giorni. Gli esseri umani non sono gli unici interessati da questo livello senza precedenti di mobilità. Una nuova ricerca dimostra che il commercio è uno dei principali fattori di biodiversità tra le specie di lucertola nelle isole dei Caraibi.

Biodiversità delle isole
Biodiversità delle isole

Lo studio è stato co-autore di Jonathan Losos, l’Monique e Philip Lehner professore per lo studio dell’America Latina e curatore di erpetologia al Museo di Harvard di zoologia comparativa; Matthew R. Helmus del Change Institute di Amsterdam; Luca Mahler, un ex Harvard Ph.D. studente ora presso la University of California.

“Uno dei concetti chiave della teoria della biogeografia insulare è l’idea che l’isolamento svolge un ruolo importante di biodiversità, perché più isolata è un’isola, minor numero di specie che avrà. Naturalmente, l’isolamento è in gran parte una funzione della distanza, ma l’idea era che l’isolamento geografico non è rilevante oggi, perché gli esseri umani possono facilmente spostarsi tra le isole e possono portare esemplari di lucertole con loro. Invece, abbiamo scelto di misurare l’isolamento in termini economici, la quantità di scambi in un’isola che riceve può spiegare in larga misura il numero di specie invasive su un’isola”.

La biodiversità delle isole

Lo studio offre una delle poche prove su larga scala di teorie prima proposte da EO Wilson, nel suo seminale del 1967 “La teoria della biogeografia insulare”. Nel tentativo di spiegare la biodiversità delle isole, in particolare la variazione del numero di specie d’isola in isola, Wilson e il co-autore Robert MacArthur avanzano una manciata di idee semplici, compresa l’idea che le isole più grandi, con più habitat e il sostegno per le popolazioni più grandi, potevano contenere più specie. Per controbilanciare, Wilson e MacArthur hanno detto che l’isolamento di un isola era anche un potente fattore di biodiversità con le isole più isolate perché sono di gran lunga più difficili da colonizzare nel territorio e quindi un minor numero di specie.

Le isole, a seconda della loro dimensione, raggiungono un equilibrio che permette un particolare livello di biodiversità.

“L’idea era di rivedere la letteratura e i rapporti nel campo e di creare un database che mostra come la ricchezza delle specie sia aumentata perché gli esseri umani hanno introdotto nuove specie in molte delle isole dei Caraibi”, “In sostanza, la teoria dell’equilibrio in un modo che non è mai stato fatto prima, perché se gli esseri umani sono in aumento, il tasso di colonizzazione delle isole delle nuove specie, secondo la teoria, ci si aspetterebbe di vedere un cambiamento dell’equilibrio.”

In linea con la teoria, i ricercatori hanno scoperto che un isola diventa meno isolata a causa di un aumento della colonizzazione umana assistita, la sua area è diventata un fattore molto più significativo nel determinare la biodiversità. Si scopre che, a causa della geopolitica, un ottimo esempio è Cuba. Quello che abbiamo scoperto è che le isole più grandi tendono ad avere più commercio, e di conseguenza più colonizzazione, ma Cuba è una causa dell’embargo commerciale degli Stati Uniti. Non abbiamo trovato nessuna specie introdotta lì. Grazie alle stranezze della politica, è l’eccezione che conferma la regola.

La ricerca si basa sulla teoria avanzata da E.O. Wilson

Biodiversità delle isole
Vota questo articolo