Scienze biologiche

Durante il dodicesimo secolo lo sviluppo delle scienze biologiche era piuttosto lento. Tuttavia, è stato proprio durante quel periodo che la botanica si è sviluppata dallo studio delle piante.

Dalla botanica, si sono scoperte le proprietà curative delle piante e allo stesso modo, dalla medicina veterinaria da cui arrivò la zoologia.

Articolo sulle scienze biologiche e la loro storia, l’anatomia del corpo umano, i progressi della botanica, dell’anatomia e della biologia.

Scienze biologiche e la loro storia

A causa dell’interesse per le piante medicinali, le erbe in generale cominciarono a essere descritte ed illustrate in modo realistico. Sebbene la scienza araba fosse ben sviluppata durante il periodo e fosse molto avanzata rispetto alle culture latine, bizantine e cinesi, cominciò a mostrare segni di declino.

Scienze biologiche – Il DNA

Scienze biologiche – Il DNA

L’apprendimento latino, d’altra parte, in rapida crescita, è stato esemplificato forse dallo studioso tedesco della metà del tredicesimo secolo da Alberto Magno che fu probabilmente il più grande naturalista del Medioevo. I suoi scritti biologici erano basati sulle autorità classiche greche, principalmente su Aristotele.

Ma nonostante quella base classica, una parte significativa del suo lavoro conteneva nuove osservazioni e fatti; per esempio, ha descritto con grande precisione l’anatomia vegetale e la venatura delle foglie delle piante che ha studiato. Era particolarmente interessato alla propagazione e alla riproduzione delle piante e discusse in qualche modo la sessualità delle piante e degli animali.

Alberto Magno

Alberto Magno

Come per i suoi predecessori greci, credeva nella generazione spontanea; credeva anche che gli animali fossero più perfetti delle piante, perché richiedevano due individui per la procreazione. Forse, uno dei maggiori contributi di Alberto alla biologia medievale era la negazione di molte superstizioni credute dai suoi contemporanei, uno scetticismo che, insieme alla reintroduzione della biologia aristotelica avrebbe avuto effetti profondi sulla successiva scienza europea.

Uno degli allievi di Alberto Magno era Tommaso d’Aquino, che, come il suo mentore, cercò di riconciliare la filosofia aristotelica e gli insegnamenti della chiesa. Poiché Aquino era un razionalista, dichiarò che Dio creò la mente raziocinante, quindi, per i veri processi intellettuali di ragionamento, l’uomo non poteva arrivare a una conclusione che era in opposizione al pensiero cristiano.

L’accettazione di questa filosofia ha reso possibile una rinascita dell’apprendimento razionale coerente con la fede cristiana.

Anatomia del corpo umano

L’Italia, durante il Medioevo, divenne il centro scientifico più attivo, sebbene i suoi interessi principali fossero concentrati sull’agricoltura e la medicina. Uno sviluppo di particolare importanza in quel periodo fu l’introduzione della dissezione nelle scuole mediche, un passo che rivitalizzò lo studio dell’anatomia del corpo umano.

Scienze biologiche – Anatomia del corpo umano

Scienze biologiche – Anatomia del corpo umano

A causa di ciò che rivelava l’anatomia medievale in generale, il lavoro di Mondino de ‘Luzzi, il più famoso degli anatomisti italiani all’inizio del XIV secolo, era particolarmente importante. Si pensa che all’inizio della sua carriera, contrariamente alla tendenza dell’epoca, Mondino eseguì personalmente molte dissezioni.

In seguito, tuttavia, è probabile che abbia lasciato il lavoro sempre di più ai suoi assistenti. Mondino aderì strettamente alle opere di Greci e Arabi. In Italia, nel XIV secolo, ci fu un fermento generale all’interno della stessa cultura, che, insieme alla rinascita dell’apprendimento in parte come risultato della riscoperta dell’opera greca, viene indicata come il Rinascimento

Leggi anche:
Come vedono i cani

È interessante notare che erano gli artisti, piuttosto che gli anatomisti professionisti, quelli veramente motivati ​​ad ottenere conoscenze in prima persona tramite la dissezione. Nessun individuo meglio esemplifica il Rinascimento di Leonardo da Vinci, i cui studi anatomici sul corpo umano durante la fine del 1400 e l’inizio del 1500 che includevano dettagli non riconosciuti fino a un secolo dopo.

Inoltre, mentre sezionava gli animali e ne esaminava la struttura, Leonardo li confrontava con la struttura degli umani. È stato il primo a indicare le disposizioni delle ossa e delle articolazioni nella gamba e in quella del cavallo, nonostante le differenze superficiali. L’omologia(1) doveva diventare un concetto importante nell’unire gruppi di animali esteriori in unità distinte, un fattore di grande importanza nello studio dell’evoluzione.

Leggi anche:
Punture di zanzare

Altri fattori hanno avuto un profondo effetto sul corso della biologia nel 1500. In particolare, l’introduzione della stampa intorno alla metà del secolo, la crescente disponibilità di carta e l’arte perfezionata dell’incisione su legno. Il che significava che anche le illustrazioni come le lettere potevano essere trasferite su carta.

Inoltre, dopo che i Turchi conquistarono Bisanzio nel 1453, molti studiosi greci si rifugiarono in Occidente; gli studiosi dell’Occidente avevano quindi accesso diretto alle opere scientifiche dell’antichità piuttosto che l’accesso indiretto attraverso le traduzioni arabe.

Progressi nella botanica

Nel periodo tra il 1530 e il 1540, il teologo e botanico tedesco Otto Brunfels pubblicò i suoi due libri con illustrazioni che contrastavano nettamente i testi precedenti i cui autori si erano limitati a copiare da vecchi manoscritti. Oltre ai libri sullo stesso argomento, Hieronymus Bock pubblicò dei testi descrittivi nella metà del 1500 illustrati sui comuni fiori selvatici.

Scienze biologiche – Botanica

Scienze biologiche – Botanica

Questi libri che furono pubblicati, erano spesso indicati come i “padri” della botanica, e possono essere considerati i precursori delle moderne flore botaniche. Per tutto il XVI secolo, l’interesse per lo studio della botanica esisteva anche in altri paesi, compresi i Paesi Bassi, la Svizzera, in Italia e in Francia.

Durante quel periodo ci fu un grande miglioramento nella classificazione delle piante, che era stata descritta in antichi erbai semplicemente come alberi, arbusti o piante e, nei libri successivi, erano elencati alfabeticamente o disposti in un gruppo arbitrario.

La necessità di un metodo sistematico per designare il crescente numero di piante descritte è diventata ovvia. Di conseguenza, utilizzando un sistema binomiale molto simile alla moderna nomenclatura biologica, il botanico svizzero Gaspard Bauhin designava le piante con un nome generico e specifico.

Sebbene le affinità tra le piante fossero indicate dall’uso di nomi generici comuni, Bauhin non speculava sulla loro comune parentela. Pierre Belon, un naturalista francese che ha viaggiato molto in Medio Oriente dove ha studiato la flora, illustra l’ampio interesse dei biologi del sedicesimo secolo.

Sebbene il suo lavoro botanico fosse limitato a due volumi, uno sugli alberi e uno sull’orticoltura, i suoi libri sui viaggi includevano numerose voci sulle scienze biologiche. I suoi due libri sui pesci rivelano molto sullo stato della sistematica dell’epoca, incluso quello di non solo pesci ma anche di altre creature acquatiche come mammiferi, crostacei, molluschi e vermi.

Tuttavia, in cui la tassonomia di Belon era notevolmente simile a quella usata nell’era moderna, mostrò una chiara comprensione dell’anatomia comparata. In particolare, fu il primo a pubblicare la prima immagine di uno scheletro di uccello accanto a uno scheletro umano per evidenziare le omologie.

Numerosi altri naturalisti europei che hanno viaggiato molto hanno anche riportato resoconti di animali e piante esotiche, e la maggior parte di loro ha scritto voluminose registrazioni delle loro escursioni. È forse sorprendente che i grandi sviluppi della botanica nel corso del XVI secolo non abbiano avuto un parallelo in zoologia.

Invece, sorse un gruppo di biologi noti come gli Enciclopedisti, meglio rappresentati da Conrad Gesner, un naturalista svizzero del XVI secolo, che ha scritto libri sugli animali illustrati da alcuni dei migliori artisti del tempo.

Ma poiché le descrizioni di molti animali erano grossolanamente imprecise, in molti casi continuavano le leggende dei greci, a parte il loro valore estetico, i libri facevano poco per avanzare la conoscenza zoologica.

Progressi nell’anatomia

Come quello della botanica, l’inizio dello studio scientifico moderno sull’anatomia può essere ricondotto a una combinazione di apprendimento umanistico, arte rinascimentale e arte della stampa. Sebbene Leonardo da Vinci iniziò gli studi anatomici su cadaveri umani, la sua opera non era nota ai suoi contemporanei.

Piuttosto, il padre dell’appellativo dell’anatomia umana moderna è generalmente accordato all’anatomista belga Andreas Vesalius, che ha studiato inizialmente presso le scuole dove è diventato un insegnante di successo molto familiare con il lavoro di Galen.

Nel 1537 andò a Padova, dove divenne noto per le riforme dell’insegnamento di vasta portata. Ancor più importante, Vesalio abolì la pratica di far eseguire da qualcun altro la vera dissezione; invece, ha sezionato i propri cadaveri e ha tenuto lezioni agli studenti sulle sue scoperte.

Il suo testo, “I sette libri sulla struttura del corpo umano”, fu il lavoro più ampio e accurato in materia di anatomia all’epoca e, come tale, costituì una base di grande importanza per la biologia. Forse il più grande contributo di Vesalius, tuttavia, fu che ispirò un gruppo di giovani scienziati a essere critico e ad accettare una descrizione solo dopo averla verificata.

Progressi della biologia

I progressi del diciassettesimo secolo nella biologia includevano la creazione di società scientifiche per la diffusione di idee e progressi nello sviluppo del microscopio attraverso il quale gli scienziati hanno scoperto un mondo fino ad allora invisibile che ha avuto effetti di vasta portata sulla biologia.

Sistemare e classificare, tuttavia, dominò la biologia in gran parte del XVII e XVIII secolo, e fu durante quel periodo che l’importanza dello studio comparativo degli organismi viventi, inclusi gli umani, fu realizzata.

Nel corso del XVIII secolo l’idea di vecchia data che gli organismi viventi potessero originarsi dalla materia non vivente (generazione spontanea) cominciò a sgretolarsi, ma fu solo dopo la metà del XIX secolo che fu definitivamente smentita dal chimico e microbiologo francese Louis Pasteur che ha dimostrato la capacità auto-replicante dei microrganismi.

Spedizioni biologiche aggiunte al crescente corpo di conoscenze di forme vegetali e animali, condussero allo sviluppo nel XIX secolo della teoria dell’evoluzione. Il XIX secolo fu uno dei grandi progressi della biologia.

Oltre alla formulazione della teoria dell’evoluzione, fu stabilita la teoria cellulare, furono poste le basi dell’embriologia moderna e furono scoperte le leggi dell’ereditarietà.


Altri articoli a tema “Scienza” che ti potrebbero interessare:

Vota questo articolo

Note   [ + ]

1.Omologia: Trasformazione del piano ottenuta come composizione di due proiezioni centrali nello spazio. In altri termini, è la relazione di corrispondenza biunivoca originata da due proiezioni di un piano su un altro.