Forum Plus: Film, serie TV, musica, viaggi, articoli scientifici, natura e ambiente, mistero, horror e recensioni prodotti per la casa e per il tempo libero. Le più interessanti recensioni di prodotti e articoli su tutto quello che riguarda Internet.

Vulcano: Che cos’è, come si formano e le eruzioni vulcaniche

Un vulcano è un punto nella crosta terrestre dove la roccia fusa, le ceneri vulcaniche e alcuni tipi di gas fuoriescono da una camera sotterranea. Il Magma è il nome di della roccia fusa quando è sottoterra. Gli scienziati chiamano la chiamano “lava” una volta che la roccia liquida erutta dal terreno e può iniziare a fluire attraverso la superficie terrestre. Esistono sul nostro pianeta circa 1,500 vulcani potenzialmente attivi. Secondo gli scienziati, circa 500 di questi vulcani hanno eruttato da quando gli uomini hanno cominciato a tenere i registri sulle attività vulcaniche.

Vulcano Vesuvio

Vulcano Vesuvio

Di tutti i vulcani che sono stati documentati negli ultimi millenni, circa il 10 percento risiedono negli Stati Uniti. La maggior parte di essi sono in Alaska e in particolare nella catena delle Isole Aleutine, nelle Hawaii e nella catena montuosa del Pacifico nord-occidentale. Ma i vulcani non sono solo un fenomeno terrestre. Diversi grandi vulcani si innalzano sopra la superficie di Marte. Sia Mercurio che Venere mostrano segni di vulcanismo in passato. La sfera più vulcanicamente attiva nel sistema solare non è la Terra.

Dove si formano i vulcani

I vulcani possono formarsi sulla terra o sotto il mare. Infatti, il più grande vulcano della Terra giace sommerso sotto la superficie dell’oceano. Alcuni punti sulla superficie del nostro pianeta sono particolarmente suscettibili alla formazione dei vulcani. La maggior parte dei vulcani, ad esempio, si formano ai bordi o vicino ai bordi o ai confini delle placche tettoniche della Terra. Le placche tettoniche sono grandi lastre di crosta terrestre che si accalcano l’una sull’altra. Il loro movimento è guidato in gran parte dalla circolazione della roccia liquida nel mantello terrestre.

Il vulcano Vesuvio

Il mantello ha uno spessore di migliaia di chilometri. Si trova tra la crosta esterna del nostro pianeta e il suo nucleo esterno fuso. Poiché la roccia liquida è più leggera del materiale circostante, cercherà di risalire verso la superficie terrestre. Quando trova un punto debole, si rompe. Questo crea un nuovo vulcano. Molti dei vulcani attivi del mondo risiedono lungo un arco. Conosciuto come “Ring of Fire“, questo arco circonda l’Oceano Pacifico. Molti altri vulcani del mondo, si sviluppano sopra o vicino a grandi pennacchi di materiale fuso che sorgono dal nucleo esterno della Terra.

Che cos’è un vulcano

Molte isole oceaniche sono vulcani. Le isole hawaiane si sono formate su un pennacchio ben noto. Mentre la placca del Pacifico si spostava gradualmente verso nord-ovest su quel pennacchio, una serie di nuovi vulcani si aprirono la strada verso la superficie. Questo ha creato una catena di isole. Oggi, quel pennacchio di mantello alimenta l’attività vulcanica sull’isola delle Hawaii. È l’isola più giovane della catena. Una piccola parte dei vulcani del mondo si forma dove la crosta terrestre si sta distaccando, come in Africa orientale.

Struttura interna terra, placche tettoniche e vulcani

Il Kilimanjaro della Tanzania è un ottimo esempio. In questi punti sottili, la roccia fusa può penetrare in superficie ed eruttare. La lava che emanano può costruire, strato su strato, alte vette.

Vulcani pericolosi

In tutta la storia documentata, i vulcani hanno probabilmente ucciso circa quasi 300,000 persone. Gli scienziati stimano che quasi 80,000 morti sono state causate da flussi piroclastici(1). Queste nuvole calde di cenere e roccia spazzano le pendici di un vulcano alla stessa velocità di un uragano. Gli tsunami innescati da un vulcano hanno probabilmente causato altri 55.000 morti. Queste grandi onde possono rappresentare una minaccia per le persone che vivono lungo le coste anche a centinaia di chilometri dall’attività vulcanica. Molte morti relative ai vulcani avvengono nelle prime 24 ore di un’eruzione. Ma si possono verificare anche dopo più di un mese dopo l’inizio di un’eruzione.

Eruzione Vulcano Calbuco in Cile

Queste vittime potrebbero soccombere agli effetti indiretti. Tali effetti potrebbero includere carestie quando le colture falliscono. Oppure le persone possono tornare in una zona pericolosa e poi morire per colpa di frane o durante le eruzioni. Ognuno degli ultimi tre secoli ha visto raddoppiare le fatali eruzioni vulcaniche. Ma l’attività vulcanica è rimasta approssimativamente costante negli ultimi secoli. Ciò suggerisce, dicono gli scienziati, che gran parte dell’aumento delle morti è dovuta alla crescita della popolazione o alla decisione delle persone di vivere vicino o addirittura sopra i vulcani.

Eruzione vulcanica

Alcune eruzioni vulcaniche equivalgono a piccoli sbuffi di vapore e cenere relativamente innocui. All’altro estremo della situazione ci sono eventi catastrofici. Questi possono durare per giorni o mesi, cambiando il clima in tutto il mondo. Agli inizi degli anni ’80, i ricercatori hanno inventato una scala per descrivere la forza di un’eruzione vulcanica. Questa scala, che va da 0 a 8, si chiama Volcanic Explosivity Index (VEI). Ogni eruzione riceve un numero basato sulla quantità di cenere sputata, l’altezza del pennacchio di cenere e la potenza dell’eruzione. Per ogni numero compreso tra 2 e 8, un aumento di 1 corrisponde a un’eruzione dieci volte più potente.

L’esplosione di questo vulcano è impressionante, mette i brividi.

Una piccola eruzione vulcanica rappresenta una minaccia solo per le regioni vicine. Piccole nuvole di cenere potrebbero spazzare via alcune fattorie e edifici sulle pendici di un vulcano o sulle pianure circostanti. Potrebbero anche soffocare le colture o le aree di pascolo. Ciò potrebbe innescare una carestia locale. Eruzioni più grandi comportano diversi tipi di rischi. Le loro ceneri possono arrivare a dozzine di chilometri dal picco. Se il vulcano è coperto di neve o ghiaccio, i flussi di lava possono scioglierlo. Ciò può creare un mix denso di fango, cenere, terra e rocce. Nevado del Ruiz è un vulcano sudamericano della Colombia.

Le 5 eruzioni vulcaniche più potenti della storia.

La sua eruzione nel 1985 ha distrutto 5.000 abitazioni e ha ucciso oltre 23.000 persone. Gli effetti furono avvertiti in città fino a 50 chilometri di distanza dal vulcano. Le minacce di un vulcano possono persino estendersi nel cielo. I pennacchi di cenere possono raggiungere le altitudini alle quali volano gli aerei. Se la cenere che in realtà è un frammento di roccia spezzata, viene risucchiata nel motore di un aereo, può succedere un disastro aereo per via del guasto dei motori. Infine, una vera e propria eruzione può influenzare il clima globale. In un’eruzione molto esplosiva, le particelle di cenere possono raggiungere altitudini molto elevate.

Eruzione dello Stromboli.

Questi frammenti di cenere possono diffondersi in tutto il mondo, diminuendo la quantità di luce solare che raggiunge la superficie terrestre. Questo farà raffreddare le temperature a livello globale, a volte per molti mesi. Oltre a spargere cenere, i vulcani emettono anche un miscuglio di gas nocivi, tra cui anidride carbonica e biossido di zolfo. Quando l’anidride solforosa reagisce con il vapore acqueo fuoriuscito dalle eruzioni, crea goccioline di acido solforico. Se queste goccioline raggiungono una certa altitudine, possono disperdere la luce solare nello spazio, raffreddando ancora di più il clima.

Vulcano: Che cos’è, come si formano e le eruzioni vulcaniche
10 (100%) 1 vote

Amministratore del sito Forum Plus, appassionato di Internet, informazione e cultura.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Note   [ + ]

1.flussi piroclastici: Miscele di gas-particelle dense che danno origine a colonne eruttive sostenute.