Forum Plus: Film, serie TV, musica, viaggi, articoli scientifici, natura e ambiente, mistero, horror e recensioni prodotti per la casa e per il tempo libero. Le più interessanti recensioni di prodotti e articoli su tutto quello che riguarda Internet.

Pressione sanguigna

La pressione sanguigna è la pressione del sangue che circola sulle pareti dei vasi sanguigni. Con questo termine, di solito ci si riferisce alla pressione nelle grandi arterie della circolazione sistemica. La pressione sanguigna viene solitamente espressa in termini di pressione sistolica durante un battito cardiaco rispetto alla pressione diastolica tra due battiti cardiaci.

Pressione sanguigna - Misurazione

Pressione sanguigna – Misurazione

La pressione sanguigna è un segno vitale, insieme alla frequenza respiratoria, alla frequenza cardiaca, alla saturazione di ossigeno e alla temperatura corporea. La normale pressione sanguigna a riposo in un adulto è di circa 120 millimetri di mercurio (16 kPa) sistolico e 80 millimetri di mercurio (11 kPa) diastolico, abbreviato “120/80 mmHg”.

Pressione sanguigna, ipotensione e ipertensione

La pressione sanguigna può variare in base alle situazioni, allo stato emotivo, all’attività fisica e ai relativi stati di salute o di malattia. Può essere bassa per svariati motivi e può essere alta anche per via di alimenti che aumentano la pressione sanguigna. A breve termine, la pressione sanguigna è regolata da barocettori che agiscono attraverso il cervello per influenzare il sistema nervoso e al sistema endocrino(1). La pressione sanguigna bassa è chiamata ipotensione e la pressione costantemente alta è ipertensione. Entrambi, possono avere molte cause e possono essere improvvise e a breve termine o di lunga durata. L’ipertensione a lungo termine è un fattore di rischio per molte malattie, tra cui malattie cardiache, ictus e insufficienza renale. L’ipertensione a lungo termine è più comune dell’ipotensione a lungo termine. Spesso non viene rilevata a causa di un controllo non frequente e dall’assenza di sintomi.

Pressione arteriosa sistemica

Il rischio di malattie cardiovascolari aumenta progressivamente sopra i 115/75 mmHg. In pratica, la pressione sanguigna è considerata troppo bassa solo se sono presenti sintomi evidenti. Studi osservazionali dimostrano che le persone che mantengono la pressione arteriosa all’estremità inferiore di questi intervalli di pressione hanno una salute cardiovascolare a lungo termine migliore. C’è un dibattito medico in corso su quale sia il livello ottimale di pressione arteriosa da usare quando si usano farmaci per abbassare la pressione sanguigna in caso di ipertensione, in particolare nelle persone anziane. La perdita del normale calo della pressione arteriosa durante la notte è associata ad un maggiore rischio futuro di malattie cardiovascolari. La pressione sanguigna notturna è un fattore predittivo più forte di eventi cardiovascolari rispetto alla pressione arteriosa diurna. Inoltre, la pressione arteriosa di un individuo varia a seconda di molti fattori, tra cui se fa esercizio fisico, in base a delle reazioni emotive, al sonno e alla digestione. Vari altri fattori, come l’età e il sesso, influenzano anche loro la pressione sanguigna di una persona.

Pressione arteriosa

Pressione arteriosa

Nei bambini, le gamme normali sono inferiori rispetto agli adulti e dipendono dall’altezza. I valori di pressione sanguigna di riferimento sono stati sviluppati per i bambini di diversi paesi, in base alla distribuzione della pressione arteriosa nei bambini di questi paesi. Quando gli adulti invecchiano, la pressione sistolica tende ad aumentare e la pressione diastolica tende a scendere. Di conseguenza, negli anziani, la pressione sanguigna sistolica spesso supera il normale range degli adulti. Si ritiene che ciò sia dovuto a una maggiore rigidità delle arterie. Le differenze tra le misurazioni della pressione sanguigna del braccio destro e sinistro tendono ad essere minime. Tuttavia, occasionalmente vi è una differenza consistente superiore ai 10 mmHg che potrebbe richiedere ulteriori indagini, ad esempio per la malattia arteriosa ostruttiva.

Ipertensione arteriosa

L’ipertensione arteriosa può essere un indicatore di altri problemi e può avere effetti avversi a lungo termine. A volte può essere un problema acuto, ad esempio l’emergenza ipertensiva. I livelli di pressione arteriosa esercitano uno stress sulle pareti arteriose. Pressioni più elevate aumentano il carico di lavoro del cuore e la progressione della crescita malsana del tessuto ateroma(2) che si sviluppa all’interno delle pareti delle arterie. Più alta è la pressione, più lo stress è alto e più ateroma tende a progredire. Inoltre, il muscolo cardiaco tende ad addensarsi, ad ingrandirsi e a indebolirsi nel tempo.

Ipertensione persistente

L’ipertensione persistente è uno dei fattori di rischio per ictus, attacchi cardiaci, insufficienza cardiaca e aneurismi arteriosi ed è la principale causa di insufficienza renale cronica. Anche un moderato innalzamento della pressione arteriosa porta ad un’aspettativa di vita ridotta. A pressioni molto alte, pressioni arteriose medie del 50% o più sopra la media, una persona può aspettarsi di vivere non più di qualche anno se non trattata adeguatamente.

Pressione sanguigna diastolica

In passato, la maggior parte dell’attenzione era rivolta alla pressione diastolica; ma al giorno d’oggi si riconosce che sia l’alta pressione sistolica che l’alta pressione del polso sono anch’essi fattori di rischio. In alcuni casi, sembra che una diminuzione della pressione diastolica eccessiva possa effettivamente aumentare il rischio, probabilmente a causa della maggiore differenza tra le pressioni sistolica e diastolica. Se la pressione arteriosa sistolica è elevata cioè maggiore di 140 mmHg a differenza di una normale pressione diastolica di <90 mmHg, viene chiamata "ipertensione sistolica isolata" e può presentare problemi di salute.

Insufficienza valvolare cardiaca

Per quelli con insufficienza valvolare cardiaca, un cambiamento nella sua gravità può essere associato a un cambiamento nella pressione diastolica. In uno studio su persone con insufficienza valvolare cardiaca che confrontavano le misurazioni a 2 settimane l’una dall’altra, c’era un’aumentata gravità del rigurgito aortico e mitralico quando la pressione diastolica aumentava, mentre quando la pressione diastolica diminuiva, c’era una diminuzione della gravità.

Pressione sanguigna bassa

La pressione sanguigna troppo bassa (nota come ipotensione) causa segni o sintomi, come vertigini, svenimenti, e in casi estremi, anche shock. Quando la pressione arteriosa e il flusso sanguigno diminuiscono oltre un certo punto, la perfusione del cervello diminuisce in modo critico. Si tratta cioè di un apporto di sangue non sufficiente che causa vertigini, capogiri, debolezza o svenimento. A volte, la pressione arteriosa diminuisce significativamente quando un paziente si alza quando è seduto. Questo è noto come ipotensione ortostatica o comunemente come ipotensione posturale. Quando una persona è in salute, le vene sotto il cuore si restringono rapidamente e la frequenza cardiaca aumenta per minimizzare e compensare l’effetto della gravità della pressione sanguigna bassa. Questo viene eseguito involontariamente dal sistema nervoso autonomo. Di solito, il sistema richiede alcuni secondi per adattarsi completamente e se le compensazioni sono troppo lente o inadeguate, l’individuo subirà un ridotto flusso di sangue al cervello, vertigini e potenziali blackout.

Cause di bassa pressione arteriosa

  • Sepsi(3)
  • Emorragia
  • Tossine
  • Anormalità ormonali
  • Disturbi alimentari

Misurazione pressione arteriosa

La pressione arteriosa è più comunemente misurata tramite uno sfigmomanometro. La tecnica più comune di misurazione automatica della pressione del sangue si basa sul cosiddetto metodo “oscillometrico“. I valori della pressione arteriosa sono generalmente riportati in millimetri di mercurio (mmHg). Per ogni battito del cuore, la pressione sanguigna varia tra le pressioni sistolica e diastolica. La pressione sistolica è la pressione di picco nelle arterie, che si verifica vicino alla fine del ciclo cardiaco quando i ventricoli si contraggono. La pressione diastolica è la pressione minima nelle arterie, che si verifica vicino all’inizio del ciclo cardiaco quando i ventricoli sono pieni di sangue. Un esempio di valori misurati normali per un adulto adulto sano e riposante è di 120 mmHg sistolico e 80 mmHg diastolico (scritto come 120/80 mmHg, e parlato come “uno-venti su ottanta”).

Articoli correlati che ti potrebbero interessare:

Pressione sanguigna
10 (100%) 2 votes

Amministratore del sito Forum Plus, appassionato di Internet, informazione e cultura.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Note   [ + ]

1.Sistema endocrino: Complesso delle ghiandole endocrine, la cui secrezione passa direttamente nei vasi sanguigni e linfatici.
2.Ateroma: L’ateroma è una placca formata da grassi, proteine e tessuto fibroso che si forma nella parete delle arterie e configura il quadro dell’aterosclerosi.
3.Sepsi: Malattia sistemica, la risposta dell’organismo (sotto forma di SIRS, Sindrome da Risposta Infiammatoria Sistemica) all’invasione di tessuti, fluidi o cavità corporee normalmente sterili da parte di microrganismi patogeni o potenzialmente patogeni. Le complesse interazioni tra il microrganismo infettante, il sistema immunitario dell’ospite, le risposte infiammatorie e la coagulazione influenzano l’esito nella sepsi