Forum Plus: Scienza, cultura, arte e curiosità, tutto in un unico sito.

Preventivo notaio acquisto prima casa: I dati per un calcolo preciso

Preventivo notaio acquisto prima casa: Se hai deciso di acquistare la tua prima casa, la prima cosa che ti starai chiedendo è quanto sarà il preventivo di un notaio. In questa guida vedremo quali sono i dati necessari che ci permetteranno di ottenere un preventivo preciso da parte del nostro notaio.

Preventivo notaio acquisto prima casa

Preventivo notaio acquisto prima casa

Preventivo notaio acquisto prima casa

Prima di acquistare la nostra prima casa, abbiamo bisogno di fornire al nostro notaio dei dati per poter ottenere un preventivo notaio il più preciso possibile. Quanto spenderemo di notaio è una delle prime domande che ci possiamo porre quando si tratta di acquistare la nostra prima casa, ma quali dati ci servono per fare un calcolo preciso sulle spese notarili?

Iniziamo con il dire che le tariffe notarili non sono più fisse. Fino a qualche tempo fa, le tariffe dei notai erano fisse perché si trattava di esercizi di pubblici ufficiali. Però, attualmente queste tariffe si sono liberalizzate perché i notai sono pur sempre dei liberi professionisti. Quindi, adesso i notai possono operare in un regime dove si possono fare concorrenza.

Queste tariffe notarili, sono state istituite in modo tale che i cittadini possono farsi un’idea sulla spesa che si dovrà sostenere. Questa spesa notarile, si calcola in base non solo al valore dell’immobile ma anche se si tratta di prima o di una seconda casa. Un preventivo notarile può essere quindi un compenso che resterà a discrezione del notaio. Però, sono necessari dei dati che serviranno per calcolare le spese notarili che riguardano l’acquisto dell’immobile.

Possiamo utilizzare questi dati per poter conoscere la spesa notarile che dovremo affrontare con più precisione. Per farlo, il notaio dovrà fornirci un documento dove sarà riportato in un elenco tutte le spese suddivise in voci. Tra queste voci, sono presenti anche tutte le imposte a termini di legge. Con questo documento possiamo farci subito un’idea non solo sulla spesa complessiva ma anche tutti i dettagli che ne giustificano la somma.

Dati per preventivo notaio

I dati che ci servono per poter far effettuare il calcolo su tutte le spese notarili dell’acquisto della nostra prima casa sono fissi ma possono dipendere dal valore dell’immobile. Come anticipato prima, il calcolo e la somma complessiva può variare anche dal fatto che si tratti della nostra prima o seconda casa. Se si tratta della nostra prima casa che vogliamo acquistare come impresa dovremo necessariamente pagare un’imposta di registro che si aggira intorno al due per cento del valore dell’immobile.

Se invece l’immobile che vogliamo acquistare è una seconda casa, la spesa complessiva è destinata a salire. Se stiamo acquistando l’immobile direttamente da un’impresa, non dovremo pagare l’imposta di registro, ma soltanto l’iva del dieci per cento. Se l’immobile è di lusso, l’iva sale al ventidue per cento. Questi elencati fino ad adesso, sono i dati più importanti che ci serviranno per poter calcolare le nostre spese notarili.

Ci sono però altre spese che dovremo aggiungere come l’onorario del nostro notaio e le altre spese per regolarizzare eventuali ipoteche e il catasto. Ovviamente, le eventuali spese non menzionate fino ad adesso e che si potrebbero presentare non saranno assolutamente elevate.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:

Vota questo articolo

Condividi
  •  
  •  
  •