Storia dei pesci, anatomia, evoluzione e specie

Articolo sulla storia dei pesci, dove spiegheremo non solo la loro storia ma anche la loro anatomia, l’evoluzione, le varie specie ed alcune curiosità. I pesci hanno colonizzato quasi ogni ambiente acquatico sul pianeta. Abitano le profondità dell’Oceano Antartico e si possono trovare nelle acque dei deserti oltre i 40 ° C. Questa grande diversità di habitat dei pesci in tutto il mondo ha spinto la loro evoluzione in innumerevoli forme, dimensioni e colori che li rendono molto affascinanti e ricercati per poterli allevare in un acquario. Le barriere coralline sono habitat che possiamo definire foreste tropicali dei mari.

Storia dei pesci, anatomia, evoluzione e specie: Pesci d'acqua dolce in natura

Pesci d’acqua dolce in natura

Si tratta di aree con un altissima diversità di specie, sia per i pesci che per gli invertebrati. Le foreste di mangrovie, dove l’acqua dolce e l’habitat di acqua salata si fondono, sono la casa naturale di un certo numero di specie che si possono allevare in acquario. Il Rio delle Amazzoni è più grande fiume al mondo. Gli stagionali allagamenti di questo vitale habitat dei pesci, arricchisce l’acqua con cibo e agisce come un timer per il loro allevamento e per la riproduzione.

La storia dei pesci: L’habitat naturale

L’attività umana ha danneggiato o ridotto molti habitat naturali dove vivono i pesci. Alcune specie, tuttavia, beneficiano dell’agricoltura, diffondendosi in drenaggi, fossi e risaie. La diversità delle specie dei pesci è il prodotto di milioni di anni di evoluzione. Impercettibilmente, durante i secoli, si sono plasmati nella forma, nell’anatomia interna, e nel comportamento per affrontare le sfide del proprio ambiente naturale; nel processo che ha creato migliaia di specie di pesci che vivono nei mari del mondo e nelle acque fredde. Molte specie sono create dalla separazione geografica; ciò si verifica quando una popolazione di pesci viene frammentata in due o più piccoli gruppi.

Habitat naturale dei pesci

Habitat naturale dei pesci

La selezione naturale funziona su ogni gruppo di pesci in modi diversi, e li trasformano in modo che se i membri di entrambi i gruppi si incontrano di nuovo, saranno troppo diversi per incrociarsi. Delle 25.000 specie viventi di pesci conosciute, circa il 60 per cento sono marine, è una percentuale sorprendentemente bassa data l’entità degli oceani del mondo. Questa differenza in confronto ai pesci d’acqua dolce rispetto alle dimensioni del loro habitat è dovuta alla facilità dei gruppi di pesci che possono separarsi geograficamente isolandosi in fiumi e laghi, rispetto al mare.

Formazione Geografica delle specie

Non c’è miglior esempio di diversificazione delle specie come nella formazione del lago Malawi in Africa. Creato circa due milioni di anni fa da un faglia geologica, Questo grande e lungo lago è oggi sede di oltre 1.600 specie di ciclidi, di più che in tutto il resto dell’Africa. Si pensa che tutti questi ciclidi si siano sviluppati da soli una o due specie ancestrali, che sono entrate nel lago durante la sua formazione. I Ciclidi si sono adattati molto presto ad un intera gamma di habitat diversi che hanno incontrato in questo lago. Alcuni sono diventati predatori; altri erbivori. Alcuni divennero limitati alle coste; altri occupavano le profondità del lago. Alcuni sono cresciuti di grandi formati; altri meno.

Che cos’è e come è fatto un pesce?

La definizione di pesce è più difficile di quanto la maggior parte delle persone possa pensare. Si tratta di un animale che vive e respira in acqua. Alcuni pesci, tuttavia, emergono sulla terra, respirano l’aria, e usano le pinne come delle gambe. E molti altri animali, compresi gli anfibi, mammiferi, e invertebrati, vivono in acqua. Questo, aggiunge ulteriore confusione, alcune creature come le stelle marine, le meduse, le seppie, non sono realmente dei pesci. I Pesci Sono vertebrati, come gli esseri Umani, cioè possiedono una spina dorsale a differenza di stelle marine, meduse e seppie. La maggior parte sono (ectotermi) a sangue freddo, non possono aumentare la temperatura corporea ma solo tenerla a temperatura ambiente, una grande differenza con i mammiferi e gli uccelli che li limita in acque Più calde (anche se ci sono molte eccezioni). Tutti i pesci hanno le branchie per ottenere ossigeno. La forma del corpo di un pesce è determinata dal suo scheletro. La maggior parte dei pesci hanno scheletri ossei, ma alcune specie primitive, in particolare squali e razze, hanno scheletri di cartilagine. La forma della pinna caudale (coda) varia da specie a specie, e notevolmente influisce sulla capacità di nuoto. I pesci con code profondamente biforcute sono tra i nuotatori più potenti. In alcuni casi, la coda può essere allargata.

Anatomia dei pesci

Anatomia dei pesci

I pesci secernono un rivestimento viscido che li protegge dai parassiti e dai batteri e li aiuta a scivolare e a nuotare meglio in acqua. Ci sono molti piani corporei alternativi per i pesci. Un pesce “tipico” è stato progettato in natura in modo da poter tagliare “l’acqua” nuotando con il minimo sforzo. Il pesce ha un profilo fuso, anche se è un po ‘più largo verso la parte anteriore della linea mediana, e la sua testa si unisce al corpo senza un collo. I suoi occhi sono a filo con la testa, e solo le alette si estendono oltre il corpo; anche le alette possono essere appiattite contro i lati per minimizzare la resistenza all’acqua. I pesci contano sulla loro pinne di locomozione, alcune specie di pesci, possono essere più specializzati nel nuoto dato che l’acqua, è molto più densa dell’aria.

Le pinne dei pesci

Il nuoto richiede un notevole sforzo muscolare, e la spinta principale per il nuoto è fornita dalla pinna caudale sul retro del corpo; questa inizia il movimento ondeggiante che si diffonde attraverso la pinna dorsale del pesce, e che si estende verso il basso al centro della schiena, aiuta a mantenere il pesce in linea retta, ed è controbilanciato sul lato inferiore del corpo della pinna anale. Le pinne ventrali (o pelviche) sono pinne impostate su entrambi i lati della linea mediana davanti alla pinna anale sulla parte inferiore del corpo. Agiscono come stabilizzatori, mantenendo il pesce in posizione verticale, e in alcuni specie, come il Corydoras, sono utilizzate per tenere le uova. Le pinne pettorali, che si trovano in prossimità delle branchie su ciascun lato del corpo, aiutano il pesce nella manovra. In alcune specie, le pinne pettorali sono dotate di spine per la difesa.

Le pinne dei pesci

Le pinne dei pesci

Nei Gourami, le pinne pettorali possono essere trasformate in strutture che aiutano il pesce ad individuare cibo rilevando profumi in acqua. Alcuni pesci, in particolare Characoidei, hanno un ulteriore piccola pinna adiposa, e come suggerisce il nome, agisce come un tessuto adiposo (grasso) dei tessuti come ruolo secondario nella locomozione. Tutti i pesci si basano sulle loro pinne, soprattutto le pettorali e le ventrali per controllare la loro posizione in acqua e per impedire di essere spazzati via dalle correnti. Nei pesci che vivono in ruscelli di montagna, le alette possono essere fuse insieme; il risultato è una ventosa che ancora il pesce sul posto. Questo adattamento è visto nella famiglia Balitoridae.

La vescica natatoria

La posizione in acqua è anche influenzata dalla vescica natatoria, un organo a gas allungato che si trova al di sotto della colonna vertebrale per raggiungere un assetto neutro. La vescica natatoria deve occupare circa l’otto per cento del corpo del pesce. Il gas nella vescica può essere regolato in due modi: il pesce può ingurgitare aria o essere rilasciato nella vescica dai vasi sanguigni.

Vescica natatoria dei pesci

Vescica natatoria dei pesci

Digestione e respirazione dei pesci

Il sistema digestivo di un pesce è quello tipico dei vertebrati; come con le specie terrestri, i pesci erbivori tendono ad avere intestini più lunghi rispetto ai carnivori, perché la materia vegetale è dura, fibrosa, e difficile da rompere. Le vie respiratorie, tuttavia, sono uniche nei pesci. La maggior parte dei pesci estraggono ossigeno dall’acqua, piuttosto che dall’aria, utilizzando le branchie, che sono situate sui lati della testa dietro gli occhi, nascosti sotto lembi conosciuti come opercoli. Le branchie sono aste ossee a cui sono attaccate filamenti carnosi, ricche di pareti sottili capillari. L’ossigeno dissolto in acqua entra nel sangue attraverso i filamenti, che di solito hanno lembi (o lamelle) per massimizzare la superficie disponibile per lo scambio di gas. Sorprendentemente, la superficie totale delle branchie può essere più di dieci volte l’area del corpo esterno del pesce.

Colori e pattern dei pesci

Quasi tutti i pesci usano i colori per aiutarsi nel camuffamento nell’ambiente circostante o per attrarre i compagni. Alcuni sono poco appariscenti, marroni o verdi per fondersi con l’ambiente e sfuggire all’attenzione dei predatori; altri, si appiattiscono e si modificano per abbinarsi al fondale in cui vivono. I colori brillanti di molte specie tropicali sono anche una forma di camuffamento; strisce verticali in grassetto, per esempio, rompono la sagoma di un corpo e lo rendono difficile da vedere. Le strisce scure che attraverso gli occhi in alcune specie, spesso continuano attraverso l’iride, rendendo l’occhio quasi invisibile. I pesci che hanno un solido colore scuro tendono ad avere un sacco di pigmento nella loro pelle, mentre le specie che appaiono di colore argenteo possono avere un pigmento della pelle povero ma possono contare di più sulla loro iridescenza, Questo è causato dalla presenza di guanina, un prodotto di scarto nel sangue. Molti pesci possono avere corpi trasparenti e sviluppare il colore con l’età.

Senso e comunicazione del pesce

Sebbene i cervelli dei pesci sono poco sviluppati rispetto a quelli dei mammiferi, i pesci possiedono sensi acuti e spesso altamente specializzati nei mezzi di comunicazione. I Barbi sono strutture sulle labbra che assomigliano a baffi allungati, comuni nei pesci che vivono in acque in cui la visibilità è povera. I barbigli possono essere organi che aiutano il pesce a navigare e a trovare cibo. La linea laterale del corpo del pesce comprende una fila di pori di apertura di un canale che porta alla testa. Il canale è riempito con una gelatina viscosa, che rileva le vibrazioni in acqua. Gli occhi dei pesci sono simili a quelli degli altri vertebrati, e possono vedere i colori. La loro visione è particolarmente tagliente nei pesci che vivono in prossimità della superficie. Alcuni esperimenti suggeriscono che i pesci possono utilizzare segnali elettrici nella comunicazione. Alcune specie usano i suoni per comunicare tra loro, come ad esempio il Gourami.

L’evoluzione dei pesci

I pesci sono i più antichi di tutti gli vertebrati (animali con spina dorsale), con una datazione di più di 500 milioni di anni. Tuttavia, il primo pesce che apparì negli oceani di tutto il mondo era molto diverso da quelli visti oggi, dal momento che non avevano mascelle e gli mancavano le pinne specializzate, così hanno contato esclusivamente sui movimenti della coda per spingersi attraverso l’acqua. Internamente, la loro colonna vertebrale era fatta di cartilagine, piuttosto che di ossa. Il primo pesce squamoso con ganasce mobili sorto intorno ai 440 milioni di anni fa, aveva mascelle evolute dagli archi branchiali anteriori. Questi pesci possedevano anche più paia di spine lungo i lati del corpo dal quale le alette accoppiate successivamente si erano sviluppate. I pesci non colonizzano l’habitat d’acqua dolce fino a circa 66 milioni di anni fa.

La classificazione dei pesci

La classificazione degli esseri viventi è chiamata tassonomia. Di base è un unità di classificazione di specie o di una raccolta di organismi che sono in grado di essere allevati allo stato brado e di produrre una prole fertile. Le specie affini sono organizzati in gruppi chiamati generi, che a loro volta sono disposti in famiglie. Il processo di raggruppamento continua in gruppi noti come ordini, classi, phylum più in generale, e, infine, i regni, il livello più alto nella gerarchia. Una parte integrante della classificazione è l’assegnazione unica scientifica, i nomi alle singole specie. Anche se possono sembrare nomi scientifici perché di solito sono in latino, sono intese da parte degli scienziati di tutto il mondo, e così sono molto più utili i nomi comuni, che spesso differiscono da paese a paese.

Quando un nuovo pesce viene scoperto, alcune procedure devono essere eseguite prima che possa essere identificato come specie a sé. In primo luogo, un esemplare è presentato ad un istituto scientifico come ad un museo. La descrizione è pubblicata in una pubblicazione scientifica riconosciuta. Infine, il pesce viene attribuito ad un nome scientifico e collocato nel genere che contengono quelle specie per le quali è più strettamente correlato. Allo stato attuale, la classificazione si basa principalmente sul confronto tra le caratteristiche anatomiche del campione tipo a quelli delle altre specie, ma l’analisi del DNA è sempre il più utilizzato, in quanto dà un quadro più preciso dei rapporti tra gli organismi.

La popolarità dei pesci in acquariofilia

Da un estratto dal diario di Samuel Pepys, datato il 28 maggio 1665, mostra che i pesci rossi ornamentali erano già conosciuti. in Restauro di Londra. Altre informazioni provengono dalla Cina in alcuni saggi dove sono state trovate queste informazioni, e uno dei più antichi saggi superstiti sui pesci rossi. Il Libro dei Vermilion, risale al 1596. I pesci sembrano essere un antica tradizione di acquariofilia. I pesci tropicali sono probabilmente di più recente interesse, anche se i pesci siamesi da combattimento (Betta) sono stati allevati selettivamente nel Siam (ora Thailandia) per molti secoli. Alcuni dei più resistenti pesci tropicali, vennero allevati con successo nel tardo 19 ° secolo per decorare la Corte del czar in Russia. I primi acquari tropicali sono stati dotati con basi di ardesia, e riscaldati da una fiamma sotto di loro. Una vita alquanto pericolosa per i pesci. Non è chiaro quando l’uomo ha cominciato ad allevare i pesci per la loro qualità estetica, piuttosto che come una fonte di cibo, ma l’attività risale certamente ben più di mille anni. Probabilmente è iniziata in Cina con l’addomesticamento degli pesci rossi e delle koi, e si è diffuso in tutto il mondo con i progressi nella tecnologia e dell’acquariofilia che conosciamo oggi.

L’industria odierna produce una vasta gamma di prodotti per rendere l’acquariofilia più gratificante che mai. L’interesse per l’acquariofilia in Occidente sbocciò nell’Inghilterra vittoriana, dove il nome di “acquario” è stato coniato, e per mantenere i pesci in casa è diventato di moda. il primo acquario pubblico fu aperto presso lo zoo di Londra nel 1853, molti lavori scientifici sono stati pubblicati dove stabiliscono la ricetta per un “acquario equilibrato”. Il pubblico accorreva per vedere la stupefacente manifestazione della vita marina, che erano particolarmente popolare nelle località costiere della Gran Bretagna, dove l’acqua veniva pompata nei serbatoi direttamente dal mare. In Giappone, l’allevamento dei pesci ornamentali. Una storia illustra che risale a più di 500 anni fa. Questa xilografia giapponese del 1888 mostra bambini che li allevano come passatempo.

Trasporti e tecnologia nell’acquariofilia

Trasporti e tecnologia

Entro la fine del 19 ° secolo, l’Inghilterra e la Germania hanno dominato l’hobby dell’acquariofilia, esportando pesci verso gli Stati Uniti e anche più lontano. Tuttavia, l’acquariofilia tropicale prese piede solo come hobby nel 20 ° secolo, quando le forniture di energia elettrica per illuminazione e riscaldamento lo permisero. L’allevamento commerciale di pesci, doveva soddisfare la domanda crescente che ha iniziato in Florida nel 1926; il clima dello stato e la sua vicinanza ai fiumi dell’America del Sud America, dove molti pesci d’acquario popolari avevano origine, ha reso la base ideale per un settore in rapida crescita. L’allevamento di varietà altamente ornamentali negli Stati Uniti e altrove attiravano più persone verso questo hobby, mentre l’espansione del trasporto aereo era più diffuso e portava varietà esotiche di tutto il mondo con velocità senza precedenti. Oggi, l’acquariofilia è un grande business.

Costanti miglioramenti nella tecnologia per l’acquario e verso gli alimenti hanno reso la cura per i pesci ancor più facile che mai. Inoltre, la ricerca scientifica ha confermato ciò che generazioni hanno riconosciuto: allevare i pesci porta benefici per la salute: abbassamento misurabili della pressione sanguigna e abbassamento dello stress a livelli che possono promuovere una migliore qualità della vita. Molti acquariofili continuano ad allevare pesci in acquario per una vasta gamma di motivi, dalla compagnia alla concorrenza; la maggior parte di noi, però, semplicemente per godersi la calmante eleganza e i colori che i pesci portano alla nostra casa. Scegliere che pesci allevare, è una decisione influenzata da molti giudizi soggettivi, così come considerazioni pratiche come i costi, lo spazio disponibile, e la facilità di allevamento.

La popolarità dell’acquariofilia

La popolarità dell’acquariofilia

L’aumento della popolarità dell’acquariofilia può essere attribuita in parte per la pronta disponibilità di specie spettacolari, e nei progressi nella tecnologia per l’acquario. Ma almeno parte del suo fascino negli ultimi pochi decenni sta nel nostro utilizzare il tempo libero. In questo caso, i pesci sono gli animali domestici ideali: non hanno bisogno di camminare o giocare; possono essere tenuti in appartamenti in condomini dato che non fanno rumore. Una bolletta elettrica per il mantenimento di un acquario produce spese minime se l’acquario in questione non è esageratamente grande. Requisiti di cibo e acqua possono imporre restrizioni reali sulle piante e i pesci che possono essere inseriti in un acquario. Alcune specie di predatori, per esempio, possono essere difficili da alimentare, e potrebbero dover essere alimentati con piccoli pesci come cibo vivo.

Non è una soluzione pratica per un piccolo acquario di casa. Analogamente, se avete intenzione di stabilire una lussureggiante vegetazione attraente in vasca, si dovrebbe evitare le specie che sono vegetariane, perché le giovani piante acquatiche saranno rosicchiate. Certi pesci tropicali sono molto particolari circa la chimica dell’acqua, mentre altri sono tolleranti alle varie condizioni dell’acqua. Alcuni acquariofili sono affascinati soprattutto dalla biologia dei pesci, o per la loro riproduzione in acquario. Ma per la maggioranza, l’estetica è importante, creando un armonioso progetto per un bellissimo acquario, i pesci, le piante, gli sfondi, e il mobile, ma sopratutto l’acquario, è fascino.

Sull’argomento pesci

Storia dei pesci, anatomia, evoluzione e specie
10 (100%) 1 vote

Amministratore del sito Forum Plus, appassionato di Internet, informazione e cultura.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
    1
    Share