Forum Plus: Scienza, cultura, arte e curiosità, tutto in un unico sito.

Gli effetti della Cannabis

Una recente ricerca sugli effetti della cannabis sul cervello ha rivelato potenziali danni e benefici che variano con l’età e le malattie. I risultati provengono da una serie di studi che rivelano ad esempio, che l’esposizione alla Marijuana prima della nascita e durante gli anni dell’adolescenza può influenzare il cervello in via di sviluppo in diversi modi.

Gli effetti della Cannabis

Gli effetti della Cannabis

Alcuni di questi modi è l’interruzione della comunicazione tra le diverse parti del cervello, mentre altri interferiscono con l’apprendimento e la memoria e interrompono i livelli di messaggeri chimici e composti metabolici. Tuttavia, l’esposizione a un composto presente nella marijuana può migliorare la memoria nella malattia di Alzheimer e persino ridurre alcuni dei suoi sintomi.

Effetti della Cannabis

Tra le centinaia di specie della marijuana, o cannabis, le piante sono più di cento chiamate cannabinoidi che possono alterare il rilascio di sostanze chimiche nel cervello e nel sistema nervoso. L’alcol è più dannoso per la salute del cervello della marijuana. Lo dicono gli scienziati che sostengono che l’alcol può danneggiare il cervello più che usare la marijuana poiché altera la struttura della materia grigia e bianca.

Sempre più persone stanno utilizzando la cannabis non solo come droga, ma anche in medicina, in modo da contribuire ad alleviare il dolore e sintomi di sclerosi multipla, epilessia e le altre condizioni a lungo fisiche a lungo termine. L’aumento del consumo di cannabis insieme all’allentamento della legislazione da parte di molti stati non è, tuttavia, accompagnato da un aumento delle prove conclusive sui suoi benefici e sui danni a lungo termine.

Alcuni nuovi studi hanno evidenziato gli effetti a lungo termine dell’uso di cannabis nel corso della vita. Nello specifico, hanno scoperto che l’assunzione di tetraidrocannabinolo (THC), che è un composto psicoattivo della cannabis, riduce la capacità di recupero dello stress in età avanzata. Tale esposizione ha anche portato a uno sviluppo difettoso dei circuiti cerebrali per la memoria e l’apprendimento.

Cannabis terapeutica: Le leggi sul consumo della Cannabis medica

Gli effetti della Cannabis: La Cannabis terapeutica

Gli scienziati hanno osservato questi effetti nei loro test sui topi. I ratti adolescenti che usavano i cannabinoidi mostravano una maggiore attività nei circuiti cerebrali che regolano la formazione delle abitudini. L’uso di cannabinoidi da parte dei topi adolescenti mostrava anche alterazioni fisiche nello sviluppo delle regioni cerebrali coinvolte dell’autocontrollo, nel prendere decisioni e pianificare.

Nei topi adulti, l’uso a lungo termine dei cannabinoidi ha portato a cambiamenti nella connettività e nel metabolismo nelle regioni del cervello coinvolte nella memoria e nell’apprendimento. I topi con malattia di Alzheimer però, hanno mostrato miglioramenti della memoria e hanno perso meno cellule cerebrali. Questo, potrebbe portare a una terapia per la malattia umana.

Da questi e altri studi, le prove suggeriscono che la cannabis può causare danni a lungo termine ai bambini che devono ancora nascere cioè tra le donne incinte. Sperimentare la marijuana inizia spesso nell’adolescenza, in un momento in cui il cervello è in via di sviluppo ed è ancora vulnerabile. I nuovi studi confermano che l’uso di cannabis può avere alcuni benefici medici in situazioni specifiche.

Tuttavia, gli studi sottolineano anche l’esigenza vitale di una migliore comprensione degli aspetti negativi, in particolare per le donne incinte, adolescenti e per pazienti con patologie croniche. I risultati di oggi forniscono una nuova comprensione dei complessivi effetti della cannabis che ha sul cervello.

Marijuana: buona o cattiva?

Le persone che hanno usato la Marijuana o Cannabis per curare i loro disturbi può risultare sicura e efficace nel trattamento di alcune condizioni mediche. Il cannabidiolo, la sostanza presente nella Marijuana, è un ottimo trattamento per alcuni tipi di epilessia. Questa tensione, tra la convinzione diffusa che la marijuana sia un trattamento efficace per un vasto assortimento di disturbi e una mancanza di conoscenza scientifica sui suoi effetti, è stata in qualche modo esacerbata negli ultimi tempi da una spinta verso la legalizzazione.




In alcuni stati in America, la marijuana è disponibile per scopi medici e, in alcuni stati, anche ricreativi. Un recente studio ha scoperto che l’uso della marijuana sta aumentando notevolmente negli Stati Uniti, anche se questo aumento potrebbe non essere collegato alla legalizzazione della marijuana negli Stati partecipanti. Ciononostante, questo aumento di utilizzo sta suscitando grandi preoccupazioni per la salute pubblica.

Effetti benefici della Marijuana medica

L’uso della marijuana medica (Cannabis terapeutica)può curare il dolore cronico. Il dolore cronico è una delle principali cause di disabilità, colpisce milioni di adulti in tutto il mondo. La marijuana, o prodotti contenenti cannabinoidi, agiscono sui recettori del cervello e sono efficaci nell’alleviare il dolore cronico. Alcuni studi scientifici hanno rivelato che l’uso di marijuana può aiutare le persone con dipendenza da alcool o oppioidi a combattere le loro dipendenze.

Prescrizione della cannabis medica

Gli effetti della Cannabis: Prescrizione della cannabis medica

Ma questa scoperta potrebbe essere controversa perché l’uso di marijuana effettivamente aumenta il rischio di abuso e di dipendenza da altre sostanze. Inoltre, più qualcuno usa marijuana, più è probabile che si sviluppi un problema di dipendenza. Anche gli individui che hanno iniziato ad usare un farmaco in giovane età sono a maggior rischio di sviluppare un problema con l’uso della marijuana.

I ricercatori hanno trovato alcune prove a sostegno dell’uso della marijuana per alleviare la depressione e i sintomi del disturbo da stress post-traumatico. Detto questo, avvertono che la marijuana non è un trattamento appropriato per alcune condizioni di salute mentale, come il disturbo bipolare e la psicosi. I cannabinoidi assunti per via orale sono efficaci contro la nausea e il vomito causati dalla chemioterapia.

Alcuni studi hanno scoperto che fumare la marijuana può aiutare ad alleviare questi sintomi. Alcuni studi sulle cellule tumorali suggeriscono che i cannabinoidi possono rallentare la crescita o uccidere alcuni tipi di cancro. Tuttavia, i primi studi che hanno testato questa ipotesi negli esseri umani hanno rivelato che sebbene i cannabinoidi siano un trattamento sicuro, non sono efficaci nel controllare o curare il cancro.

L’uso a breve termine di cannabinoidi per via orale può migliorare i sintomi di spasticità tra le persone con sclerosi multipla, ma gli effetti positivi sono piuttosto modesti. CBD è una delle molte sostanze presenti nella cannabis. Non è psicoattivo. Si utilizza come farmaco per il trattamento di varie patologie. Ci sono prove che dimostrano sia i danni che i benefici per la salute dovuti al consumo di marijuana.

Eppure, nonostante l’emergere negli ultimi anni di recensioni molto complete e aggiornate degli studi scientifici che valutano i benefici e i danni di un farmaco a base di Cannabis, è chiaro che sono necessarie ulteriori ricerche per determinare appieno le implicazioni sulla salute pubblica dell’aumento dell’uso della marijuana.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:

Gli effetti della Cannabis
Vota questo articolo



Forum Plus

Amministratore del sito Forum Plus, appassionato di Internet, informazione e cultura.

Condividi
  •  
  •  
  •  

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Nota: Devi accettare la Privacy Policy per inviare un commento. Qualsiasi tipo di commento non inerente all'argomento verrà immediatamente cancellato.

20 − nove =