Forum Plus: Scienza, cultura, arte e curiosità, tutto in un unico sito.

Malattia di Parkinson: Tutto quello che c’è da sapere

La malattia di Parkinson è una condizione neurodegenerativa progressiva che attualmente, non ha una cura. Tuttavia, gli specialisti sono al lavoro per rimediare a questa situazione. Un nuovo studio condotto sui topi suggerisce che un modo per trattare questa condizione può essere il raffreddando dell’infiammazione nel cervello.

Parkinson

Secondo i ricercatori, la malattia di Parkinson è la seconda malattia neurodegenerativa più comune dopo il morbo di Alzheimer. Solo negli Stati Uniti, i medici diagnosticano ogni anno circa 50.000 casi di malattia di Parkinson. Anche se non è ancora chiaro esattamente quale siano le cause di questa malattia, gli scienziati concordano sul fatto che una caratteristica importante del Parkinson è l’infiammazione cronica.

Malattia di Parkinson

Malattia di Parkinson

Per questo motivo, alcuni ricercatori in Australia, stanno riflettendo su come contrastare l’ infiammazione nel cervello come mezzo per impedire al Parkinson di progredire. In uno studio recente condotto sui topi, gli scienziati hanno identificato la molecola MCC950 che, dicono, è efficace nel bloccare la malattia nel suo ulteriormente avanzamento.

Il morbo di Parkinson è la seconda malattia neurodegenerativa più diffusa in tutto il mondo, con 10 milioni di malati il cui controllo sui movimenti del corpo è compromesso. Questa malattia, è caratterizzata dalla perdita di cellule cerebrali che producono dopamina, una sostanza chimica che coordina il controllo motorio ed è accompagnata da infiammazione cronica nel cervello.

Questo è il meccanismo che gli scienziati hanno cercato di studiare riportano i risultati del loro studio in documento scientifici. Questi scienziati sono stati in grado di identificare una piccola molecola chiamata MCC950 che è come un sensore specializzato che aiuta a regolare la risposta immunitaria.

La maggior parte degli studi che hanno cercato un trattamento per affrontare i meccanismi del Parkinson si sono concentrati su un elemento completamente diverso. Finora, i ricercatori hanno preso di mira l’accumulo di proteine ​​tossiche nel cervello di persone con malattia del Parkinson. L’attuale progetto, tuttavia, ha adottato un approccio nuovo concentrandosi sui danni di un eccessiva infiammazione.

I ricercatori hanno adottato un approccio alternativo concentrandosi sulle cellule immunitarie nel cervello chiamate microglia che possono eliminare queste proteine ​​tossiche. In futuro, i ricercatori mirano a continuare a studiare i possibili modi per dare una risposta immunitaria nella malattia di Parkinson e di impedirgli di progredire.

Il Parkinson è trasmessa attraverso la genetica?

La causa esatta della malattia del Parkinson è sconosciuta. Lo sviluppo della condizione è influenzato da molti fattori genetici e ambientali. I medici hanno identificato come le mutazioni in alcuni geni possono essere trasmesse attraverso le generazioni e possono portare ad un aumentato di rischio della malattia del Parkinson.

La malattia di Parkinson è una condizione che colpisce il cervello, in particolare le aree che controllano il movimento e l’equilibrio. Può causare un peggioramento dei cambiamenti neurologici che spesso iniziano con tremori e rigidità muscolare. Aumenta anche il rischio di depressione e demenza.

Si stima che circa il quindici per cento delle persone con malattia di Parkinson abbia una storia familiare con le stesse condizioni. I medici hanno identificato i geni che vengono trasmessi dai membri della famiglia che sembrano aumentare la probabilità di sviluppare il Parkinson. Hanno anche identificato i geni in cui il danno o una mutazione nel gene aumentano il rischio di una particolare condizione.

La malattia di Parkinson causa una mancanza di dopamina nel cervello che influenza il movimento. Alcuni geni sembrano influenzare la capacità del cervello di abbattere le proteine ​​presenti nei neuroni in cui viene prodotta la dopamina. Esistono diversi fattori di rischio per la malattia di Parkinson, tra cui l’età avanzata.




I medici di solito diagnosticano la malattia quando una persona ha almeno 50 anni o più. Mentre esistono delle eccezioni, essere anziani è comunque un fattore di rischio. I medici diagnosticano negli uomini un numero maggiore di casi rispetto alle donne. Questo supporta la teoria secondo cui il Parkinson ha un legame genetico.

Una persona ha maggiori probabilità di sviluppare la malattia di Parkinson se ha un genitore o un fratello che ha avuto la stessa malattia. Le persone esposte a pesticidi ambientali ed erbicidi, come gli agricoltori, sembrano avere un aumentato del rischio nel contrarre la malattia di Parkinson.

Una lesione al cervello, al collo o alla colonna vertebrale è stata associata a un maggiore rischio per questa malattia. Avere uno o più di questi fattori di rischio non significa che una persona svilupperà il morbo di Parkinson, ma solo che ha un rischio maggiore rispetto ad altri.

Parkinsonismo atipico

Le persone con Parkinsonismo atipico sviluppano gli stessi sintomi di quelli con la malattia di Parkinson come tremori e rigidità ma la malattia causa anche una serie di altri problemi aggiuntivi. Alcune persone che hanno il morbo di Parkinson presentano sintomi tipici della malattia e altri sintomi non tipici della malattia. Quando ciò si verifica, i medici chiamano la malattia Parkinson atipico o Parkinsonismo più sindrome.

La malattia di Parkinson è un disturbo progressivo che colpisce il cervello, causando principalmente cambiamenti nel movimento. Alcuni dei sintomi più comuni includono tremori, rigidità muscolare e cambiamenti nell’andatura di una persona quando cammina. Il parkinsonismo atipico potrebbe non rispondere ai trattamenti terapeutici tradizionali della malattia di Parkinson, pertanto, è importante ottenere una diagnosi corretta per garantire che una persona riceva i trattamenti più efficaci.

In questa malattia si possono verificare tremori o movimenti tremanti che di solito sono nelle mani, movimenti rallentati, muscoli rigidi e mancanza di oscillazione nelle braccia e nelle gambe mentre si cammina. Le persone con Parkinsonismo atipico non tendono ad avere un tremore a riposo. Possono anche sviluppare sintomi di Parkinson in stadio avanzato a un ritmo più veloce.

Mentre i medici non conoscono la causa esatta del morbo di Parkinson, sanno che la malattia distrugge le cellule in una zona del cervello chiamata substantia nigra. Questa area è responsabile della produzione di un neurotrasmettitore chiamato dopamina, che è associato al movimento. Le persone con Parkinson atipico hanno danni nella substantia nigra e nelle cellule al di fuori di quest’area del cervello che di solito ricevono trasmissioni di dopamina.

Di conseguenza, gli individui possono sperimentare ulteriori sintomi non associati al morbo di Parkinson. Attualmente, i medici non considerano ereditario il parkinsonismo atipico, il che significa che non sembra essere trasmesso dai genitori ai bambini.

Altri articoli sulla salute e il benessere che ti potrebbero interessare:

Malattia di Parkinson: Tutto quello che c’è da sapere
Vota questo articolo



Forum Plus

Amministratore del sito Forum Plus, appassionato di Internet, informazione e cultura.

Condividi
  •  
  •  
  •  

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Nota: Devi accettare la Privacy Policy per inviare un commento. Qualsiasi tipo di commento non inerente all'argomento verrà immediatamente cancellato.

due × uno =