Forum Plus: Scienza, cultura, arte e curiosità, tutto in un unico sito.

Viroterapia contro il cancro

Viroterapia contro il cancro: In un nuovo studio si è esaminato il comportamento di un virus che uccide il cancro. Questo virus attacca le cellule tumorali e lascia intatte le cellule sane. Il cancro è una malattia cronica che uccide milioni di persone in tutto il mondo.

Viroterapia contro il cancro

Viroterapia contro il cancro

Si tratta della seconda causa di morte a livello globale ed è probabile di oltre nove milioni di morti solo in quest’ultimo anno. I tumori più comuni a livello mondiale sono il cancro del polmone, il cancro al seno e il cancro del colon. I ricercatori di tutto il mondo hanno lavorato instancabilmente per trovare nuove terapie contro il cancro. Negli ultimi anni, la viroterapia ha catturato l’interesse degli scienziati.

Viroterapia

La viroterapia è un trattamento che utilizza la biotecnologia per trasformare determinati virus in agenti contro le malattie. Questi virus sono oncolitici, che infettano e distruggono le cellule tumorali. I virus oncolitici possiedono qualità uniche che li rendono diversi da qualsiasi altro trattamento del cancro. I vantaggi della viroterapia includono la mancanza di resistenza crociata con altre terapie e la capacità di distruggere il tumore usando una varietà di meccanismi.

Gli scienziati hanno focalizzato la loro attenzione sui virus oncolitici allo scopo di trovare un nuovo modo per uccidere le cellule tumorali in modo selettivo. L’SVV (Seneca Valley virus) è un oncolitico, un virus che potrebbe essere la prossima rivoluzionaria terapia antitumorale. Alcuni ricercatori hanno descritto il comportamento di questo virus in uno studio pubblicato negli Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze .

Lo studio spiega come l’SVV interagisce con i tumori risparmiando le cellule sane. Per esaminare il comportamento del virus, gli scienziati hanno utilizzato la microscopia crioelettronica per catturare immagini di migliaia di particelle e per visualizzare la loro struttura in alta risoluzione. In questo modo hanno potuto comprendere la struttura di queste particelle che è la chiave per la creazione di un virus efficace per uccidere il cancro.

Gli scienziati possano quindi utilizzarle per sviluppare nuovi farmaci e terapie. L’SVV è insolito perché si rivolge a uno specifico recettore nelle cellule tumorali. Questo recettore è chiamato antracerecettore ed è presente solo nei tumori. Questo virus si lega al recettore nei tumori ma non a quello nelle cellule sane. Il comportamento di questo virus potrebbe potenzialmente renderlo una terapia adatta per molti tipi di cancro poiché il recettore è presente sulle cellule tumorali di oltre il sessanta per cento dei tumori umani.

I ricercatori hanno utilizzato l’SVV in studi clinici in fase iniziale su tumori al polmonare e il virus ha dimostrato qualità di lotta contro il cancro. Tuttavia, il sistema immunitario è programmato per combattere i virus e distrugge la minaccia percepita entro tre settimane. I ricercatori ritengono che l’analisi della struttura dell’SVV possa aiutarli a trovare modi per superare in astuzia il sistema immunitario, consentendo al virus di replicare e uccidere le cellule tumorali.

Sebbene gli scienziati stiano ancora cercando un modo efficace per eludere il sistema immunitario, si crede che potrebbe essere possibile modificare l’SVV in modo che possa riconoscere diversi recettori. Ciò trasformerebbe il virus in un’eccellente arma da utilizzare contro diversi tipi di cancro.

Cancro e genetica: qual è la connessione?

I geni controllano il modo in cui le cellule funzionano, e in particolare come crescono e si dividono. Quando qualcosa va storto con uno o più geni in una cellula, si verificano cambiamenti che possono portare al cancro. Tali cambiamenti sono comunemente definiti come errori o mutazioni. Sebbene il cancro sia principalmente il risultato di scelte di vita e non correlate alla genetica, può anche essere causato da difetti o mutazioni.

Di conseguenza, il cancro può essere ereditato da genitori e nonni e trasmesso alle generazioni future. Una cellula deve tipicamente contenere sei o più errori per diventare cancerogeni. Tali errori possono far sì che una cellula smetta di funzionare normalmente diventando cancerosa e che cresca e si divida in modo incontrollabile. Questo può accadere quando le persone invecchiano a causa di errori casuali quando una cellula si divide.

I cambiamenti possono anche verificarsi a causa dell’esposizione a sostanze che possono causare il cancro chiamate cancerogeni. Ad esempio; il fumo di sigaretta o la luce solare. Sebbene potenzialmente cancerogene, questi cambiamenti genetici non influenzano tutte le cellule del corpo, non sono ereditate e non possono essere trasmesse ai bambini. Il cancro è una malattia così comune che molte famiglie hanno diversi membri con questa patologia.

Alcuni tipi di cancro funzionano possono essere riscontrate in vari componenti della famiglia, ma solo una parte di tutti i tumori sono ereditati. I geni difettosi che aumentano il rischio di cancro possono essere trasmessi da genitore a figlio. Tali geni sono chiamati geni ereditari del cancro. Si verificano quando c’è un errore o un difetto nei geni contenuti in un ovulo o nello spermatozoo.

I geni che aumentano il rischio di cancro sono noti come geni di suscettibilità del cancro. Il loro compito normale è correggere il danno al DNA che si verifica naturalmente quando le cellule si dividono, proteggendo le persone dal cancro. Ereditare una copia difettosa di uno di questi geni significa che le cellule non sono in grado di riparare il DNA danneggiato. Di conseguenza, le cellule possono diventare cancerose.

Quali forme di cancro sono ereditarie?

I tumori causati da geni difettosi ereditari sono molto meno comuni dei tumori causati da cambiamenti genetici dovuti all’invecchiamento o ad altri fattori. La maggior parte dei tumori si sviluppa attraverso una combinazione di possibilità e ambiente piuttosto che ereditare un gene specifico del cancro. Tuttavia, circa un dieci per cento di tutti i casi di cancro si verificano in persone che hanno ereditato mutazioni genetiche che aumentano il rischio di cancro.

Sono rischi di cancro al seno, all’intestino, alle ovaie, all’utero e alla prostata. Sono disponibili anche dei test per difetti genetici rari che possono aumentare il rischio di cancro alla retinablastoma. I test genetici predittivi si riferiscono al tipo di test fatto su geni che aumentano il rischio di cancro. Di solito non danno risposte precise sulle malattie ereditarie. I test mostreranno solo se c’è una specifica mutazione del gene, non se il cancro è presente.

Un risultato positivo significa che c’è un rischio di cancro, ma non significa che il cancro sia presente o si sviluppi. Ad esempio, una particolare mutazione genetica può essere trovata attraverso il test, ma potrebbe non essere chiara. In breve, il test può mostrare cosa potrebbe accadere, ma non può mostrare cosa accadrà. Un risultato negativo non significa che non ci sia il rischio di contrarre il cancro.

Il rischio può cambiare nel tempo a causa di motivi non genetici, scelte di stile di vita o semplicemente invecchiando. I test genetici possono essere errati e i risultati dei test possono essere interpretati in modo errato. Anche se questo non è comune, laboratori diversi possono avere modi diversi di interpretare i cambiamenti perché i test genetici non sono strettamente regolati.

Altri articoli sulla scienza che ti potrebbero interessare:

Vota questo articolo

Condividi
  •  
  •  
  •