Forum Plus: Scienza, cultura, arte e curiosità, tutto in un unico sito.

Anatomia vegetale

Nehemiah Grew è stato educato a Cambridge ed è considerato da alcuni uno dei fondatori dell’anatomia vegetale. Nel 1672 pubblicò la prima delle sue grandi opere; The Anatomy of Vegetables Begun, seguita nel 1682 da The Anatomy of Plants.

Ultimo aggiornamento il 19 Marzo 2019 9:47 pm

Sebbene Nehemiah Grew riconoscesse chiaramente le cellule nelle piante riferendosi a loro come vescicole o vesciche, il loro significato biologico gli sfuggiva. È noto soprattutto per il suo riconoscimento dei fiori come organi sessuali delle piante e per la descrizione delle loro parti.

Anatomia vegetale - Polline al microscopio

Anatomia vegetalePolline al microscopio

Ha anche descritto i singoli grani di polline e ha osservato che sono trasportati dalle api, ma non si è reso conto del significato di quell’osservazione. Dodici anni dopo la pubblicazione di The Anatomy of Plants, un medico tedesco ha utilizzato gli studi sulla biologia anatomici di Grew in esperimenti per verificare la riproduzione sessuale nelle piante.

La scoperta delle cellule delle piante nell’anatomia vegetale

Dei cinque microscopisti, Robert Hooke era forse il più intellettualmente preminente. Come curatore di strumenti presso la Royal Society di Londra, fu in contatto con tutti i nuovi sviluppi scientifici e mostrò interesse in argomenti così disparati come il volo e la costruzione di orologi.

Leggi anche:
Il corpo umano

Nel 1665 Hooke pubblicò la sua Micrographia, che era principalmente una recensione di una serie di osservazioni che aveva fatto mentre seguiva lo sviluppo e il miglioramento del microscopio. Hooke descrisse dettagliatamente la struttura delle piume, il pungiglione di un’ape e altre osservazioni.

Hooke ha coniato la parola “cellula” in un disegno della struttura microscopica del sughero, ha mostrato le pareti che circondano gli spazi vuoti riferendosi alle strutture come celle. Descrisse strutture simili nel tessuto di altri alberi e piante e vide alcuni tessuti delle cellule che erano riempite con un liquido mentre in altre erano vuote.

Leggi anche:
Come vedono i cani

Quindi, suppose che la funzione delle cellule fosse di trasportare sostanze attraverso le pianta. Sebbene il lavoro di uno qualsiasi dei microscopisti classici sembri privo di un obiettivo definito, va ricordato che questi uomini incarnavano il concetto secondo cui l’osservazione e l’esperimento erano di primaria importanza e che le ipotetiche speculazioni filosofiche non erano sufficienti.

È notevole che così pochi uomini, lavorando come individui totalmente isolati gli uni dagli altri, hanno potuto registrare così tante osservazioni di così fondamentale importanza.

Il grande significato del loro lavoro fu la scoperta di un mondo in cui gli organismi viventi mostrano una complessità quasi incredibile. Nel 1878 un moderno microscopio in composto acromatico fu prodotto dal disegno del fisico tedesco Ernst Abbe. Successivamente, progettò un sistema di illuminazione sotto paletto, che, insieme all’introduzione di un nuovo condensatore sotto il tavolino, aprì la strada alle scoperte biologiche di quell’epoca.

Lo sviluppo dei principi tassonomici

Nel 1687 il matematico, fisico e astronomo inglese Isaac Newton ha pubblicato la sua grande opera Principia, in cui ha descritto l’universo come fisso, con la Terra e altri corpi celesti che si muovono armoniosamente in conformità con le leggi matematiche:

26,15€
33,05
disponibile
6 nuovo da 23,19€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 19 Marzo 2019 9:47 pm

Questo approccio di sistematizzazione e la classificazione doveva dominare la biologia dal diciassettesimo al diciottesimo secolo. Una delle ragioni era che i “padri della botanica” del sedicesimo secolo si erano limitati a descrivere e disegnare piante, assemblando un numero enorme e vario che continuava ad aumentare mentre le esplorazioni di paesi stranieri rendevano evidente che ogni paese aveva le sue piante native e animali.

Aristotele, iniziò il processo di classificazione quando usò le modalità di riproduzione e di habitat per distinguere gruppi di animali. In effetti, le parole “genere” e “specie” sono traduzioni dal greco “génos” e “eidos” utilizzati da Aristotele. Il botanico svizzero Bauhin aveva introdotto un sistema di classificazione binomiale, usando un nome generico e un nome specifico. La maggior parte degli schemi di classificazione proposti prima del diciassettesimo secolo erano tuttavia confusi e insoddisfacenti.

Classificare gli organismi

Due sistematisti del diciassettesimo e del diciottesimo secolo erano i naturalisti inglesi John Ray e il naturalista ed esploratore svedese Carolus Linnaeus. Ray, che studiava a Cambridge, era particolarmente interessato al lavoro degli antichi compilatori di erboristeria, specialmente quelli che avevano tentato di formulare alcuni metodi di classificazione.

Leggi anche:
Punture di zanzare

Riconoscendo la necessità di un sistema di classificazione che si applicherebbe a entrambi; le piante e gli animali. Ray impiegò nei suoi schemi di classificazione descrizioni estremamente precise per generi e specie.

Basando il suo sistema su strutture, come la disposizione delle dita dei piedi e dei denti negli animali, piuttosto che il colore o l’habitat, Ray ha introdotto un nuovo concetto molto importante; la perbiologia tassonomica.

Altri articoli sulla scienza che ti potrebbero interessare:

Anatomia vegetale
8 (80%) 1 vote

Condividi
  •  
  •  
  •