Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Teorie sulle origini della vita

Le teorie sulle origini della vita; Uno dei primi Filosofi greci, Talete di Mileto, ha sostenuto che l’universo conteneva una forza creativa che ha chiamato physis. Un progenitore del termine “fisica“.

Teorie sulle origini della vita

Teorie sulle origini della vita

Ha anche sostenuto che il mondo e tutti gli esseri viventi in esso fossero fatti composti da acqua.

Origini della vita

Anassimandro, uno studente di Talete, non accettava l’acqua come l’unica sostanza da cui derivavano gli esseri viventi. Credeva che oltre all’acqua, gli esseri viventi fossero fatti di terra e una sostanza simile al gas chiamata apeiron. Varie miscele di queste sostanze hanno dato origine ai quattro elementi; terra, aria, fuoco e acqua.

42,46€
49,95
disponibile
1 nuovo da 42,46€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 3 Ottobre 2019 2:33 pm

Sebbene sia stato uno dei primi a descrivere la Terra come una sfera piuttosto che come un piano, Anassimandro propose che la vita si fosse manifestata spontaneamente nel fango. I primi animali ad emergere erano stati pesci coperti di una pelle spinosa. I discendenti di quei pesci alla fine abbandonarono l’acqua e si trasferirono sulla terraferma. Da allora, diedero origine ad altri animali mediante la trasmutazione (la conversione di una forma in un’altra).

26,00€
non disponibile
Amazon.it
Ultimo aggiornamento il 3 Ottobre 2019 2:33 pm

Quindi, fu formulata una prima teoria evolutiva. A Crotone, nel sud Italia, Pitagora fondò un’importante scuola di filosofia naturale. Uno dei suoi studenti, Alcmeone, studiò la struttura animale e descrisse la differenza tra le arterie e le vene. Scoprì il nervo ottico e riconobbe il cervello come sede dell’intelletto.

Pitagora

Pitagora

Come risultato dei suoi studi sullo sviluppo dell’embrione, Alcmeone può essere considerato il fondatore dell’embriologia. Il medico greco Ippocrate, fondò una scuola di medicina sull’isola di Egeo intorno al 400 AC. Riconosceva attraverso le osservazioni dei pazienti le complesse interrelazioni implicate nel corpo umano.

Ippocrate

Ippocrate

Ha anche contemplato l’influenza dell’ambiente sulla natura umana. Ippocrate e i suoi predecessori erano preoccupati della questione filosofica centrale su come venivano creati il ​​cosmo e i suoi abitanti. Uno studente di Anassimandro, aderendo al precetto allora popolare che la vita aveva avuto origine in una massa di fango, postulò che l’effettiva forza creativa si sarebbe trovata nell’aria e che veniva influenzata dal calore del sole.

I quattro elementi

I membri della scuola ippocratica credevano anche che tutti i corpi viventi fossero composti da quattro elementi; sangue, bile nera, catarro e bile gialla e che presumibilmente provenivano dal cuore, dalla milza, dal cervello e dal fegato. Si pensava che uno squilibrio degli umori inducesse un individuo ad essere malinconico, flemmatico o collerico.

Queste parole hanno continuato ad esistere nella letteratura medica per secoli, a testimonianza della lunga popolarità dell’idea di influenze umorali. Per secoli, si è anche creduto che uno squilibrio negli umori fosse la causa delle malattie.

Una convinzione che ha portato alla pratica comune del salasso(1) per liberare il corpo da eccessivi umori.

Concetti aristotelici sulle origini della vita

Intorno alla metà del quarto secolo AC, l’antica scienza greca ha raggiunto l’apice con Aristotele. Era interessato a tutti i rami della conoscenza, inclusa la biologia. Usando le sue osservazioni e teorie, Aristotele fu il primo a tentare un sistema di classificazione animale, in cui contrapponeva gli animali contenenti sangue a quelli senza sangue.

Gli animali con sangue sono quelli ora raggruppati come mammiferi. Gli animali senza sangue erano divisi in cefalopodi. Il suo attento esame degli animali ha portato alla comprensione che i mammiferi hanno polmoni, respirano aria e sono a sangue caldo. Aristotele fu il primo a mostrare una comprensione di una tassonomia sistematica complessiva.

Questa tassonomia serviva per riconoscere unità di gradi diversi all’interno del sistema. La parte più importante del lavoro di Aristotele era quella dedicata alla riproduzione e ai relativi argomenti di ereditarietà e discendenza. Ha identificato quattro mezzi di riproduzione, tra cui l’origine della vita abiogenetica dal fango non vivo.

L’origine della vita abiogenetica

Si trattava di una credenza dei greci di quel tempo. Altre modalità di riproduzione da lui riconosciute erano il germogliamento. Si tratta di riproduzione asessuata, la riproduzione sessuale senza copulazione e la riproduzione sessuale con copulazione. Sebbene Aristotele abbia riconosciuto che le specie non sono stabili e inalterabili e che abbia tentato di classificare gli animali da lui osservati, era ben lontano dallo sviluppare idee pre-darwiniane sull’evoluzione.

In effetti, ha respinto qualsiasi suggerimento di selezione naturale e ha cercato spiegazioni teleologiche. Cioè, tutti i fenomeni in natura sono modellati da uno scopo. Tuttavia, molti principi scientifici importanti, alcuni dei quali sono spesso pensati come concetti del ventesimo secolo, possono essere attribuiti ad Aristotele. Alcuni concetti aristotelici erano ad esempio il principio secondo cui tutti gli organismi sono strutturalmente e funzionalmente adattati alle loro abitudini e ai loro habitat.

La natura è parsimoniosa; non consuma energia inutilmente. Nella classificazione degli animali, Aristotele respinse l’idea di dividerli unicamente dalle loro strutture esterne. Ad esempio; gli animali con le ali e quelli senza ali. Riconosceva invece un’unità di base tra diversi organismi, un principio che è ancora concettualmente e scientificamente valido. Inoltre, Aristotele credeva anche che l’intero mondo vivente potesse essere descritto come un’organizzazione unificata piuttosto che come una raccolta di diversi gruppi.

Con le sue osservazioni, Aristotele comprese l’importanza dell’omologia strutturale. Sostanzialmente, organi simili in diversi animali. Comprese anche l’analogia funzionale; diverse strutture che servono in qualche modo per la stessa funzione, per esempio la mano, l’artiglio e lo zoccolo sono strutture analoghe.

Questi principi costituiscono la base per il campo dello studio biologico noto come anatomia comparata. Le osservazioni di Aristotele hanno anche portato alla formulazione del principio che le strutture generali appaiono prima di quelle specializzate e che i tessuti si differenziano prima degli organi.

Indagini botaniche

Di tutte le opere di Aristotele sopravvissute, nessuna si occupa di ciò che in seguito fu differenziato come botanica. Si ritiene che abbia scritto almeno due trattati sulle piante. Fortunatamente, il lavoro di Teofrasto, uno degli studenti di Aristotele, è stato conservato per rappresentare la scienza delle piante del periodo greco.

Origini della vita - Indagini botaniche

Origini della vitaIndagini botaniche

Come Aristotele, Teofrasto era un acuto osservatore. Sebbene le sue opere non esprimessero la profondità del pensiero originale esemplificato dal suo maestro. In una sua grande opera in cui sono descritte le morfologie, la storia naturale e l’uso terapeutico delle piante, Teofrasto distingueva tra le parti esterne, che chiamò organi, e le parti interne, che chiamò tessuti.

Potrebbero interessarti:
Piante da interno e esterno

Questo è stato un risultato importante perché gli scienziati greci di quel periodo non avevano una terminologia scientifica stabilita per strutture specifiche. Per questa ragione, sia Aristotele che Teofrasto furono obbligati a scrivere descrizioni molto lunghe di strutture che possono essere oggi descritte più velocemente e semplicemente.

A causa di questa difficoltà, Teofrasto cercò di sviluppare una nomenclatura dando un significato speciale a parole che erano allora in uso più o meno corrente. Sebbene non abbia proposto un sistema di classificazione generale per le piante, più di cinquecento sono state menzionate nei suoi scritti. Teofrasto ha riunito molte specie in quelli che ora sono considerati dei generi.

Oltre a questo articolo sulle origini della vita, potrebbero interessarti anche questi sull’argomento “scienza” in genere:

Note   [ + ]

1.Salasso: Conosciuto anche come emodiluizione. Era una pratica di medica diffusa nell’antichità fino alla fine del diciannovesimo secolo e consisteva nel prelevare grandi quantità di sangue dal paziente fino a ridurre l’apporto di sangue nelle arterie.
Torna su - Forum Plus